Expandere Insubria, la sfida è continuare

Si è conclusa la seconda edizione della manifestazione organizzata da Compagnia delle Opere. Juri Franzosi, direttore CdO Varese): «La sfida è che Expandere duri tutto l’anno. Una sfida che ci coinvolge tutti»

A guardare i numeri, la seconda edizione di Expandere Insubria è andata ben oltre le aspettattive degli organizzatori  (Compagnia delle Opere di Varese, Saronno, Alto milanese e VCO in collaborazione con il consorzio Varese nel Cuore e Confartigianato). Sono state infatti 400 le aziende iscritte e circa 6000 il numero stimato di incontri tra gli iscritti., 25 i workshop tematici organizzati durante la giornata, 1230 i professionisti, gli imprenditori, gli uomini e le donne che hanno partecipato, 5 i settori merceologici più rappresentativi (edilizia, meccanica, informatica, servizi, non profit)

Secondo Juri Franzosi, direttore CdO Varese
: «La giornata che abbiamo vissuto, così intensa e così densa di impegni ed emozioni, ci lascia con tante sensazioni e una grande sfida. Le sensazioni sono quelle, meravigliose, che restano addosso dopo aver toccato con mano la voglia di fare che ha animato ogni incontro di Expandere. La sfida è quella di fare in modo che non finisca qui, che Expandere continui e che duri tutto l’anno. E questa è una sfida che ci coinvolge tutti».
Franco Macchi, direttore CdO Altomilanese, usa la metafora della maratona: «Dopo tutti questi incontri, abbiamo corso i primi trenta chilometri: verrebbe da dire che il più è fatto, che per raggiungere il traguardo ne mancano solo dodici. Eppure quei dodici sono i più duri, i più faticosi. Ci restano da percorrere quei dodici chilometri e dobbiamo farlo: perché ritirarsi ora sarebbe una sconfitta. Rientriamo nelle nostre aziende, e continuiamo a correre: raggiungiamo quel traguardo e facciamo in modo che Expandere continui».
Armando Giudici, direttore CdO Saronno: «Da anni c’è un motto che noi di Compagnia delle Opere amiamo ripetere: “Un criterio ideale, un’amicizia operativa”. Credo che dopo una giornata come questa, così piena e bella, sia davvero il caso di riflettere su queste parole per fare in modo che le ore appena vissute non si esauriscano. Gli incontri, le persone, le parole scambiate e i biglietti da visita devono essere uno stimolo per dare un senso alla giornata di Expandere. Per creare quell’amicizia operativa che dà “qualcosa in più” a chi ha partecipato a questo evento».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.