Fior d’Arancio, il battello tuttofare che non vuole la pensione

Questa storica motonave è stata riconvertita a imbarcazione per la manutenzione e da alcuni decenni rappresenta l'officina itinerante del Verbano

Il nome evoca le scene di un matrimionio eppure è decisamente difficile immaginare una sposa in abito bianco salire sul pontile del "Fior d’Arancio". Questa storica motonave, costruita nel 1924, è l’officina meccanica itinerante del Lago Maggiore. Dopo la sua riconversione, tra gli anni Settanta e Ottanta, il grande battello arancione è stato impiegato per la manutenzione delle strutture della Navigazione. Vecchiotto, con qualche acciacco ma comunque ancora in piena attività, ogni tanto fa la sua comparsa sulle rive di una o dell’altra sponda del lago. Fior d’Arancio aveva anche una gemella, la motonave a elica "Azalea", anch’essa costruita nel 1924 e rimodernata negli anni settanta. Azalea però ha preferito la pensione, è stata posta fuori servizio e destinata successivamente a sede da una società di noleggio imbarcazioni di Belgirate.

Galleria fotografica

Fior d'Arancio, il battello tuttofare 4 di 5
di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 maggio 2013
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Fior d'Arancio, il battello tuttofare 4 di 5

Video

Fior d’Arancio, il battello tuttofare che non vuole la pensione 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.