Ginetto Piatti fa sette!

L'ironico storico dell'arte ha pubblicato la sua "ultima fatica" Schegge sette. Una raccolta cronache, critiche, intemperanze dedicate agli artisti

E’ arrivato a quota sette con le sue Schegge il più ironico, appassionato e divertente storico dell’arte della provincia di Varese. Luigi Piatti, ovvero per gli amici Ginetto, classe 1928 nato a Comerio "e lì vivo ancora" (ama sottolineare), è facile incontrarlo alle inaugurazioni delle mostre, in provincia di Varese e non solo.
Di artisti amici ne ha tantissimi, di cui ha saputo coltivare una profonda amicizia e dei quali si diverte a scrivere le sue schegge, appunto. 

Pensieri liberi, freschi come come l’aria di primavera, a volte "pizzicosi" ma sempre sinceri. "Cronache, critiche, intemperanze, commenti buttati giù con amore per l’arte e per continuare, salvo proprio dove non si può, a riderci su".

"Sempre utilizzai l’arte per spiritualmente vivere al meglio" confessa ed è in effetti profondo conoscitore della storia dell’arte della nostra provincia. Un po’ per esperienza un po’ perché la sua curiosità lo ha spinto a studiare, sopratutto attraverso le cronache dei giornali, i fatti artistici che sono accaduti già dai primi anni del Novecento, gli umori, gli scandali e gli eventi più memorabili.

Se hai un dubbio è facile che Ginetto, te lo risolva in quattro e quattr’otto! 

Lette d’un fiato, si attendono le schegge numero otto!

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.