Giro: la prima impresa è di Luca Paolini

Il comasco, all'esordio nella corsa rosa a 36 anni, ha battuto tutti a Marina d'Ascea e conquistato anche la maglia di leader. Già impegnati i grandi favoriti

Esordire al Giro d’Italia a 36 anni, dopo una carriera di alto profilo, e festeggiare con un successo dopo appena tre tappe: la prima impresa di questa edizione 2013 è del comasco Luca Paolini che fa addirittura cappotto indossando anche la maglia rosa dopo l’arrivo di Marina di Ascea. Giornata movimentata e divertente quella incentrata sulla salita della Sella di Catona, con i grandi favoriti già in primissimo piano. Il più attivo di tutti è stato il campione in carica, il canadese Hesjedal, che in un paio di occasioni ha cercato la fuga costringendo a capitolare l’intraprendente Taborre e a lavorare a fondo i rivali di classifica. Tra i più pronti a seguirlo Vincenzo Nibali, ben protetto dai compagni dell’Astana, mentre Wiggins ha risposto in prima persona ma senza grandi supporti da parte della Sky. Alla fine tra gli uomini di classifica ne ha fatto le spese Michele Scarponi, caduto in discesa negli ultimi chilometri: il capitano della Lampre non si è infortunato ma ha perso terreno prezioso.
Sul traguardo Paolini ha quindi preceduto il gruppo dei migliori regolato da Cadel Evans (che prima aveva "sganciato" anche il varesino Santaromita, suo scudiero) e proprio Hesjedal che hanno così raggranellato qualche secondo di abbuono.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.