Gli appuntamenti di Bibliobook

Il programma comune per comune delle presentazioni nelle varie biblioteche

Il programma di Bibliobook

Mercoledì 8 maggio alle ore 21.00 presso la Biblioteca Comunale di Busto Arsizio, verrà presentato l’ultimo libro di Giordano Bruno Guerri “La mia vita carnale: amori e passioni di Gabriele D’Annunzio”. In occasione dei 150 anni dalla nascita di D’Annunzio, lo scrittore ci accompagnerà nelle stanze folli e geniali della dimora dannunziana. Pagina dopo pagina, sfogliando il "libro di pietre vive" che il Vate ci ha lasciato, riscopriamo un uomo che fu seduttore e amante irresistibile, avvinto dal "bisogno imperioso della vita violenta, della vita carnale, del piacere, del pericolo fisico, dell’allegrezza".

Giovedì 9 maggio alle ore 21.00 sarà la volta di Paolo Maria Noseda, che presenterà il libro “La voce degli altri” presso la Sala Conferenze della Biblioteca Comunale di Castellanza. L’autore è uno dei più noti e apprezzati interpreti in Italia. Il suo nome e il suo volto non sono forse noti quanto la sua voce, che da anni accompagna gli spettatori di ‘Che tempo che fa’: è lui l’interprete "ufficiale" degli ospiti stranieri di Fabio Fazio. Noseda, che da trent’anni traduce e interpreta, ha raccolto in questo libro storie, riflessioni e suggestioni per descrivere un mestiere sconosciuto e prezioso. Il suo è un talento affinato parola dopo parola, e che prende le mosse dal requisito principe di questa professione: la curiosità per tutto ciò che è altro. Nel corso degli anni è entrato in contatto con un immenso e ricchissimo campionario di umanità. Regine e top model, attori e registi, manager e rockstar, scrittori e politici: la sua vita lavorativa, e non solo, è un mosaico di tessere uniche, in cui ogni incontro regala una sfumatura insolita, una prospettiva diversa, un significato nuovo. Il libro è impreziosito dai racconti dal backstage della trasmissione "Che tempo che fa", dalla trascrizione di una conversazione inedita fra Bono Vox e Roberto Saviano, da una commovente lettera di ringraziamento di Daniel Pennac a tutti i suoi traduttori e da molto altro ancora. Fra aneddoti divertenti, meditazioni sul potere della lingua parlata e scritta, e l’evocazione di incontri e scontri di culture, "La voce degli altri" apre uno squarcio su una professione a volte incompresa. 

Martedì 14 maggio alle ore 21.00 la Biblioteca Comunale di Busto Arsizio ospiterà la giornalista Anna Prandoni, direttrice della storica rivista “La cucina italiana”, rivista che da oltre 84 anni diffonde la cultura gastronomica italiana sul territorio e nel mondo. Giovanissima inizia a pubblicare libri (prevalentemente manualistica) e la passione per la scrittura e quella per la cucina poi la porteranno ad avere al proprio attivo oggi più di 50 titoli ed ad essere tradotta in francese, inglese e spagnolo. Si occupa da anni di gastronomia e ha pubblicato numerosi libri sull’argomento, con particolare attenzione alla storia dell’alimentazione e alla sua influenza sulla cultura e sulla società italiane.

Mercoledì 15 maggio alle ore 21.00 la Biblioteca Comunale di Marnate ospiterà Carlo Valentini che presenterà il suo ultimo libro “Elvira, la modella di Modigliani”. Giornalista professionista, lavora alla Rai, in precedenza ha collaborato a quotidiani e riviste (Il Giorno, Il Resto del Carlino, Panorama, Europeo, Italia Oggi, Milano Finanza). Il libro racconta la storia di Elvira, che, giunta a Parigi, diventerà il simbolo femminile di una stagione provocatoria, creativa e pulsante: l’avanguardia. Con i suoi occhi, “di un marrone impastato col nero, brillanti, espressivi, provocanti”, riuscirà ad imbarazzare Amedeo Modigliani, italiano eccentrico e raffinato, irrequieto. Elvira diventerà la sua musa, la sua modella e la compagna, condividendo il senso più profondo di un’aspirazione libertaria. Nel marzo 1917 Modigliani vivrà una nuova primavera artistica con quadri dalle tonalità più dolci e una diversa luce che illuminerà i nudi di Jeanne, sua nuova compagna; ma il legame tra Elvira ed Amedeo non si spezzerà mai: “Impossibile lasciare la mia musa, ci cercheremo sempre”. E poco prima di morire, l’artista la ritrarrà ormai matura, ma con un’espressione infantile, in uno dei suoi nudi più casti: “Un omaggio d’amore alla sua Elvira che sfociava dal profondo dell’anima”. Il percorso “Modì” si concluderà sabato 18 maggio con la visita guidata alla mostra di Palazzo Reale a Milano “Modigliani, Soutine e gli artisti maledetti”, organizzata dal Sistema Bibliotecario Busto Arsizio – Valle Olona.

Giovedì 16 maggio alle ore 21.00 presso la Sala Conferenze della Biblioteca Comunale di Castellanza sarà la volta del libro “Tre mesi in Portogallo nel 1822”, diario di Giuseppe Pecchio, curato dal giornalista Carlo Colombo. Il 1822 è un anno cruciale per gli equilibri europei. È l’anno dell’indipendenza del Brasile dalla madrepatria. Un italiano, patriota ed esule, viaggia attraverso la Spagna e il Portogallo per sottrarsi alle persecuzioni degli austriaci e dei reazionari di tutta Europa. Giuseppe Pecchio è un protagonista sconosciuto del primo Risorgimento. Sottosegretario del ministro delle finanze durante il regno di Napoleone, guidò l’ala buonarrottiana dei moti milanesi nel marzo 1821. Visse avventurosamente i maggiori avvenimenti della sua epoca. In Grecia, si premurò di consegnare personalmente i primi finanziamenti britannici alle rivolte contro i Turchi. Ebbe fama e onori all’estero, in particolar modo in Inghilterra, dove morì. In Italia, al contrario, la sua memoria è stata per molto tempo rimossa o distorta. Il libro è rivolto a un pubblico interessato alla storia italiana, ma pure curioso verso quelle portoghese e spagnola. Soprattutto, si rivolge a tutti gli appassionati di indimenticabili viaggi nello spazio e nel tempo.

Martedì 21 maggio alle ore 21.00 la Biblioteca Enzo Biagi di Fagnano Olona ospiterà le autrici Bice e Carla Biagi che presenteranno il libro “Casa Biagi : una storia familiare”. Le figlie raccontano di un padre inflessibile e severo, ma capace di slanci di smisurata tenerezza e con tratti ancora infantili (adorava andare al circo con le bambine). Un padrone di casa burbero e irascibile, che terrorizzava le domestiche e negli accessi d’ira lanciava i piatti e sbatteva le porte. Un marito profondamente innamorato della moglie Lucia, incontrata durante un tè danzante una domenica di guerra del 1940 e da allora compagna fedele di una vita. Sullo sfondo dei grandi eventi della storia del Novecento prendono corpo episodi di vita domestica raccontati dalle due amate figlie di Enzo Biagi con la stessa ironia del padre: le vacanze della famiglia in Appennino, le serate con i maggiori protagonisti della scena intellettuale milanese come Oriana Fallaci, ma soprattutto le piccole e grandi scelte compiute da un uomo che fece del rigore etico il bene più prezioso da lasciare in eredità.

L’appuntamento successivo si terrà giovedì 23 maggio alle ore 21.00 presso il Centro Socio Culturale di Solbiate Olona per la presentazione dell’ultimo romanzo di Andrea Fazioli “Uno splendido inganno”. Andrea Fazioli vive a Bellinzona, lavora come giornalista alla RSI (Radiotelevisione svizzera) e come insegnante; autore dei romanzi “Chi muore si rivede”, “L’uomo senza casa” (Premio Stresa), “Come rapinare una banca svizzera” e “La sparizione” (Premio La Fenice Europa). Per una volta senza Elia Contini, in una Zurigo ricca e pulita, nella quale i vizi sono nascosti sotto i prati ben tosati delle ville, e poi sulla riva placida di Ascona, con puntate a Milano, Andrea Fazioli dà vita a un giallo insolito con al centro i temi, più che mai attuali, della verità e della menzogna, della realtà truccata. Il perbenismo danaroso veste abiti eleganti sotto cui battono cuori molto ambigui e i truffatori veri sono forse più limpidi, nei loro imbrogli simili a giochi di prestigio, degli austeri borghesi che collezionano soldi, residenze e quadri d’autore. 

Mercoledì 29 maggio alle ore 21.00 la Biblioteca Comunale di Busto Arsizio ospiterà l’autrice di origini siriane Masal Pas Bagdadi, per la presentazione del suo ultimo libro “Mamma Miriam”. Dopo il successo di “A piedi scalzi nel kibbutz”, Masal, così la conoscono tutti, ci racconta di nuovo aneddoti, ricordi, pensieri sulla sua vita passata e presente. La sua capacità di trasformare le angosce del passato in un lavoro terapeutico con bambini, adolescenti e adulti fa oggi di lei una persona più complessa, che ha saputo integrarsi bene nel suo paese di adozione, l’Italia, superando barriere e ostacoli che ogni straniero si trova ad affrontare in una terra non sua. Questo libro è un viaggio narrativo intimo dell’autrice con i suoi lettori centrato sulla figura di Mamma Miriam, simbolo ed essenza di ogni madre reale, desiderata o immaginata.

Maria Grazia Parisi sarà ospite giovedì 30 maggio alle ore 21.00 presso l’Auditorium Comunale di Gorla Minore per presentare il suo libro “FastReset : il metodo rapido di guarigione emotiva”. Medico psicoterapeuta, si occupa da circa venticinque anni del trattamento dei disturbi emotivi e psicosomatici mediante la psicoterapia, l’applicazione di medicine complementari e di tecniche di risoluzione emotiva rapida. Svolge da sempre anche attività di divulgazione e formazione, collabora con riviste e testate radio-televisive ed è autrice di libri sulla salute. Quante volte ci è capitato di desiderare che la rabbia per un’offesa, la paura di volare, il desiderio del cibo oppure un attacco di panico si dissolvessero in un istante, facendoci tornare così padroni delle nostre emozioni? Ora il sistema c’è, si chiama FastReset® ed è un approccio terapeutico che ha già risolto i problemi di centinaia di pazienti e che alcuni ospedali stanno già applicando. Sfruttando un meccanismo neurologico, Maria Grazia Parisi, ha scoperto come sia possibile depotenziare le proprie emozioni negative modificando il peso degli eventi passati e presenti sulla nostra vita e rendendo gestibili persino traumi, lutti, dipendenze, ansia, fobie. Per riacquistare una sana indipendenza emotiva.

Giovedì 6 giugno alle ore 21.00 presso il Teatrino di Villa Gonzaga ad Olgiate Olona gli autori Lucia Tilde Ingrosso e Giuliano Pavone presenteranno il loro libro “101 cose da fare in Lombardia almeno una volta nella vita”. La regione più popolosa d’Italia, la più ricca, quella con più province: la Lombardia è un mondo al centro del mondo. Difficile trovare altrove una simile varietà di paesaggi naturali e umani: si spazia dalle vette innevate dello Stelvio all’operosa ruralità del Po, passando per i celebri laghi e arrivando a Milano, metropoli vivace e instancabile. E poi c’è la Lombardia più nascosta, quella degli scorci suggestivi e dei paesini custodi del folklore più autentico. Preistoria e avanguardia, agricoltura e industria, arte e tradizioni popolari, letteratura e sport. In Lombardia tutto è a portata di mano e tutto può facilmente trasformarsi in esperienza. Questo libro di esperienze ne propone ben 101, per consentire al lettore di osservare sotto una luce insolita destinazioni e opere universalmente note, e insieme scoprire tante insospettabili curiosità. Per famiglie e fashion victim, appassionati d’arte e fan del trekking, per chiunque ami e voglia scoprire una regione ricca e bellissima. Per conoscerla a fondo, per visitarla, ma soprattutto viverla in tutte le sue multiformi sfaccettature.

La rassegna proseguirà martedì 11 giugno alle ore 21.00 presso la Biblioteca Comunale di Busto Arsizio con la presentazione del nuovissimo libro di Mauro Zambellini “Love and emotion : una storia di Willi DeVille”. Uno dei musicisti più affascinanti e misteriosi degli ultimi anni, Willy DeVille, è il protagonista dell’appassionata biografia che gli ha dedicato Mauro Zambellini. Il libro colma una lacuna imperdonabile perché dalla sua scomparsa, avvenuta nell’agosto 2009, all’età di 59 anni, Willy DeVille è stato dimenticato, quasi rimosso, ed è un caso più unico che raro, visto che i riconoscimenti postumi ormai sono la regola. Un personaggio dal carisma unico, per quanto folle e controverso nei suoi drammatici risvolti esistenziali. Love and emotion, ad oggi l’unica sua biografia al mondo, racconta vita e musica di un artista unico con un taglio romanzato e scorrevole, facendo parlare direttamente i personaggi che l’hanno conosciuto e con cui ha suonato e narrando la sua storia disco dopo disco.

Concluderà la rassegna Valerio Varesi, che presenterà giovedì 13 giugno alle ore 21.00 presso la Biblioteca Giampiero Mari di Gorla Maggiore il suo ultimo romanzo dal titolo “Il rivoluzionario”. L’autore, giornalista di Repubblica e acclamato creatore del personaggio del Commissario Soneri, al centro di una serie di gialli tradotti in tutto il mondo, dopo il romanzo “La sentenza”, pubblicato nel 2011, con “Il rivoluzionario” prosegue il suo racconto sulla storia del nostro Paese nella seconda metà del Novecento, sulle sue grandi contraddizioni e sugli interrogativi che si sono generati nel cuore degli uomini a ogni svolta e passaggio. È il 1944 e l’Italia deve contare le ferite inferte dalla guerra. Sono gli anni della ricostruzione e l’ex partigiano Oscar è impegnato sul fronte della rinascita. Al fianco di Oscar, la moglie e amica Italina. Davanti a loro, l’impresa di fondare un Paese moderno ispirato agli ideali dell’eguaglianza e della giustizia sociale. Con il passare del tempo, però, deluso e affaticato dallo spettacolo dei molti compromessi e delle infinite divisioni, Oscar decide di lasciare Bologna, la sua città, per esplorare nuovi mondi: constaterà di persona le conseguenze e le storture del socialismo reale e gli esisti nefasti della Guerra Fredda e varcherà alla fine i confini del continente per cercare in Africa la soglia della verità.

L’ingresso a tutti gli incontri è libero e gratuito.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.