Gli studenti del Liceo incontrano gli europarlamentari

Il 17 maggio, incontro fra gli studenti del Liceo di Gallarate e gli eurodeputati Lara Comi e Antonio Panzeri: una "simulazione" di lavori del Parlamento Europeo sul tema dell'occupazione giovanile

Gli studenti dei Licei di Gallarate (ma anche il pubblico eventualmente interessato) incontrano due eurodeputati, Lara Comi e Antonio Panzeri, per confrontarsi sul tema “L’Europa dei giovani: un futuro possibile o una “generazione perduta?”. L’incontro – un vero e proprio laboratorio di cittadinanza attiva – è programmato per venerdì 17 maggio, nella Sala Consiliare di Gallarate (largo Camussi 5), a partire dalle 21.
Con quali strumenti affrontare la disoccupazione giovanile e scongiurare il rischio che un’intera generazione di europei resti emarginata dal mondo del lavoro? È questa, in sintesi, la domanda che si è posto un gruppo di liceali, simulando l’attività del Parlamento Europeo per approvare una risoluzione che consenta di affrontare il problema. Un progetto articolato, condotto da Daniela Aliverti insieme a Giovanna Galli, Rosangela Gamba e Maurizia Frachelle, docenti dei Licei di Gallarate. I  ragazzi metteranno alla prova la loro visione su come fronteggiare la mancanza di lavoro, sottoponendo al pubblico la loro proposta e interpellando i parlamentari sulle misure più urgenti ed efficaci. Al termine del dibattito,  gli intervenuti esprimeranno il loro voto sulla risoluzione.  L’evento, organizzato congiuntamente da Associazione culturale Aleph, Licei e Assessorato alla Cultura del Comune di Gallarate, in collaborazione con l’Ufficio di Informazione del Parlamento Europeo e con il patrocinio della Commissione Europea, fa parte dell’Anno Europeo dei cittadini.
«Uno degli aspetti più interessanti dell’iniziativa – commenta l’assessore alla Cultura, Sebastiano Nicosia – è costituito dall’apertura straordinaria di un luogo istituzionale alla città e in particolare ai ragazzi. Giovani che magari stanno incominciando ad accostarsi alla politica e che possono fare esperienza di un luogo dove si svolge il confronto». Argomento condiviso e rilanciato dal presidente del Consiglio Comunale, Marco Casillo: «Occorre riavvicinare i giovani alle istituzioni e alla politica. Anche perché fare politica significa affrontare questioni concrete, non si tratta della semplice contrapposizione fra gli esponenti dei diversi partiti. Di fronte al giusto stimolo, del resto, i ragazzi reagiscono positivamente, come dimostra la notevole partecipazione alla prima edizione di questo confronto, organizzata lo scorso anno». La professoressa Daniela Aliverti, con la collega Giovanna Galli, contestualizza la serata: «Da una parte si inserisce nel quadro della manifestazione Terra Arte e Radici, dedicata alla sostenibilità, anche del welfare. Dall’altro rientra in una serie di iniziative cui hanno partecipato, con ottimi risultati, delegazioni dei licei: Parlamento Europeo Giovani e Model United Nations. Attraverso tutte queste esperienze matura una maggiore consapevolezza sulle istituzioni nazionali e internazionali e si incoraggiano gli studenti a cercare misure operative, a mettersi nei panni di chi governa e amministra».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.