Green trascina la Cimberio. Gara1 si tinge di biancorosso

Il play domina il match con 25 punti e 7 assist. Varese soffre la zona ma trova la svolta nel terzo periodo: finisce 92-74. Domenica si replica ancora a Masnago

Anche l’ultimo tabu, quello del 2-0 pro Venezia in stagione regolare, viene spezzato dalla Cimberio all’esordio nei playoff. Non inganni però il largo punteggio finale, un 92-74 meritato ma da non prendere come un verdetto definitivo: l’Umana è squadra che può comunque mettere in difficoltà i biancorossi e bene ha fatto Vitucci a dire, per prima cosa, che nessun obiettivo è stato raggiunto. Intanto però Varese fa l’1-0 e tornerà sul parquet di Masnago domenica pomeriggio con la convinzione di poter subito allungare. Certo, con un Green del genere tutto è più semplice: il play domina il match da cima a fondo, segnando 25 punti con 38 di valutazione e risultando pure il migliore in assist, recuperi e rimbalzi (!). Non bastasse, il regista mette anche le briglie al temuto Clark, che si scatena (e per un momento fa paura) solo quando Mike è in panchina a risultato quasi acquisito. La cosa forse più importante per la Cimberio è però il fatto che la squadra pare abbia ancora margini: i biancorossi possono fare meglio a rimbalzo, contro la zona, e con alcuni giocatori come Ere e pure Dunston, oggi buoni ma non debordanti. Insomma, è doveroso guardare con fiducia al futuro, ma allo stesso tempo con attenzione: Venezia sa di non potere fallire in gara2 e allora domenica sarà ancora più dura. Ma il montepremi potrebbe essere ancora più alto in caso di successo. Vitucci e Mazzon sono già pronti a tornare a muovere i pezzi sulla scacchiera: anche il loro duello a distanza è di quelli da seguire con attenzione.

Galleria fotografica

Quarti gara 1 - Cimberio - Umana 92-74 4 di 25

COLPO D’OCCHIO – Le magliette rosse distribuite a chi ha sottoscritto l’abbonamento playoff formano un muro quasi monocromatico sulle tribune del PalaWhirlpool per la prima partita della serie con Venezia. La scenografia scelta dalla Nord è invece tricolore mentre il resto di Masnago si colora di biancorosso. Bello e sentito il minuto di silenzio per Ottavio Missoni (foto), il cui ricordo è onorato da un silenzio che mette i brividi, e per dire addio al genio del colore c’è anche un saluto su uno striscione.

PALLA A DUE – Coach Vitucci tiene a riposo l’ultimo arrivato, Dejan Ivanov, intendendo così dare un ulteriore premio al gruppo dei 12 che ha portato a Varese il primato in regular season. Quintetto dunque super classico, con Sakota in ala forte. Anche i cinque di Mazzon sono quelli previsti, con Magro pivot titolare e sfida da muscoli tonici tra Ere e Diawara in ala.

LA PARTITA – Il primo pugno lo dà Varese (6-0, due assist Green) ma Venezia sa incassare e ciclisticamente succhiare la ruota. La Cimberio infatti fa la partita per tutto il primo quarto ma i lagunari si mettono a distanza ridotta sfruttando i rimbalzi d’attacco di Magro e i piazzati di Marconato. Così il 24-18 del 10′ pare già un punteggio largo, e infatti l’Umana riacciuffa subito i biancorossi passando anche per un istante a condurre.
Il punto debole di Varese nella circostanza è la troppa fretta nell’attaccare la zona; per fortuna che Green sa come prendersi le responsabilità e infila due triple che rimettono davanti la Cimberio (45-40 all’intervallo).
Dopo la pausa Varese ha il merito di dare un colpo d’ascia al punteggio con i primi possessi: la tripla di Polonara da per la prima volta il +10 che è soglia psicologica importante perché gli ospiti fanno l’elastico ma ora sono due scalini sotto e perdono un buon Diawara per un ingenuo quarto fallo. E’ una tripla di Sakota il canestro che dà l’ulteriore scossa alla Cimberio, che prende con decisione le redini del match sfruttando anche qualche persa di troppo in casa Reyer (emblematica quella di Bowers che apre il contropiede di Cerella). E la seconda bomba di Dusan consente di chiudere al 30′ sul 73-59.

IL FINALE – Certe volte, partite del genere nei playoff finiscono qui; non questa volta perché Venezia è dura ad arrendersi e così, quando Green si prende un momento di riposo, è il temuto Clark a provarci. Sei punti di fila costringono Vitucci a fermare il gioco, il divario si riduce sino al 77-70 ma Mazzon tiene dentro Szewczyk con 4 falli e allora Dunston lo può attaccare con risultati positivi. C’è anche Polonara, a segno con un gran gancio mancino e così Varese riapre il parziale che porta un 8-0 decisivo. Le due rivali risparmiano qualche energia nei minuti finali, buoni per il pubblico che regala ovazioni al tris americano Green-Banks-Dunston. Finisce 92-74, ma domenica si gioca ancora; questa volta però non sarà tutto azzerato, ma si ripartirà con Varese davanti. E pronta a raddoppiare.

TABELLINOINTERVISTE E PAGELLELIVE

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 maggio 2013
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Quarti gara 1 - Cimberio - Umana 92-74 4 di 25

Video

Green trascina la Cimberio. Gara1 si tinge di biancorosso 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.