I luoghi di Giuliano Belmonte

Una mostra ricorda, a quasi un anno dalla scomparsa, l'opera dell'artista famoso per i suoi acquerelli

Non è ancora un anno che l’artista isprese Giuliano Belmonte è mancato. Valente acquarellista, Belmonte viene ricordato con una grande mostra retrospettiva e una monografia pubblicata per l’occasione, monografia che porta il titolo della mostra e che raccoglie le immagini di moltissime sue opere a varie tematiche.

Inoltre, il Comune di Ispra ha deliberato di intitolare la Sala Serra delle esposizioni a GIULIANO BELMONTE.

L’artista si è espresso con delicatezza ed emozione raccontando le nevicate prealpine, i borghi antichi, i casolari della campagna, i fiori, i mulini, le chiese dei luoghi dove era nato e vissuto, con una tecnica pittorica realistica e piena di suggestioni interiori. Anche se ha usato la tempera e talora l’olio, per Giuliano Belmonte l’acquarello è la tecnica pittorica d’elezione, tanto da essergli assolutamente connaturata. Tecnica, che l’artista ha sperimentato nel corso degli anni con i risultati felici della sua migliore creatività. 

 

Scrive il critico d’arte Fabrizia Buzio Negri nel lungo testo della monografia: “Una pittura leggibile, in esiti espressivi molto personali: le identità del reale travalicano il dettaglio, per privatissime sensazioni da ritrovare nel trascorrere degli stati d’animo. Una vocazione alla figuralità, la sua, maturata nel tempo in coerenza e continuità.

I luoghi narrati da Belmonte si propongono in una rigorosa riconoscibilità nella topografia del territorio. Anche i titoli parlano spesso della precisa rintracciabilità. Non solo: essi sono di aiuto per evocare – del luogo – acque, cielo, boschi, campagne, nelle suggestioni inesauribili delle Prealpi varesine. Si risente un sentimento totale in ogni opera pittorica che sembra avvertire di non essere mai fine a se stessa…”

 

Lunga e articolata la sua attività espositiva, focalizzata intorno agli amati laghi lombardi, ma non solo. Egli ha esposto a Novara, a Pavia, al Club Cà Bianca di Milano, a La Thuile, a Riva Ligure, a Sanremo, a Maratea, In Svizzera: a Lugano, al Museo di Indemini che possiede molte sue opere. 

In Lussemburgo: al Foyer Europeen.
 

Numerosissime le presenze a Varese: Galleria 3, La Bilancia, Sala Nicolini, Battistero S. Giovanni, Chiesa della Brunella, Chiesa Parrocchiale di Biumo Inferiore. 

In provincia: a Busto Arsizio, Castellanza, Gallarate, Somma Lombardo, Sesto Calende, Besozzo, Ispra, Verbania, Viggiù, solo per citarne alcune. 

 

 

ASCOLTARE L’ANIMA DEL PAESAGGIO 

I LUOGHI DI GIULIANO BELMONTE

mostra retrospettiva a cura di Fabrizia Buzio Negri

25 maggio  – 15 giugno   2013 

Comune di Ispra (VA) – Sala Serra

INAUGURAZIONE: sabato 25 maggio, ore 17 – Drink

Nell’occasione, la Sala Serra verrà intitolata a  Giuliano Belmonte

MONOGRAFIA dedicata all’artista in mostra                                        

Orari: tutti i giorni 10 – 12.30 e 15.30 – 19.   Info:  tel. 335 5443223

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.