Il libro che racconta le nuove mafie alla conquista dell’Italia

L’occasione per parlare delle nuove forme della criminalità organizzata è stata la presentazione del libro “Mafie. La criminalità straniera alla conquista dell'Italia”, di Giovanni Conzo all'Università dell'Insubria

Nuove mafie e mafie straniere alla conquista dell’Italia. E proprio nelle regioni del nord di Lombardia e Piemonte risiedono gli obiettivi più a rischio per le infiltrazioni delle organizzazioni criminali. L’occasione per parlare delle nuove forme della criminalità organizzata italiana e straniera è stata la presentazione del libro “Mafie. La criminalità straniera alla conquista dell’Italia”, di Giovanni Conzo, magistrato del tribunale di Napoli e Giuseppe Crimaldi, giornalista del quotidiano Il Mattino, con la prefazione di Anna Maria Cancellieri e Paola Severino. Un’incontro voluto dall’università per parlare e far parlare di un problema che prima che essere di sicurezza è soprattutto culturale. Ed è per questo che in occasione dell’anniversario dell’uccisione di Giovanni Falcone, per il quale si è rispettato anche un minuto di silenzio, è stata organizzata l’iniziativa al quale hanno partecipato i due autori, Alberto Coen Porisini, magnifico rettore dell’Università degli Studi dell’Insubria; Ezio Vaccari, direttore del Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate; Fabio Minazzi, presidente del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione dell’Università degli Studi dell’Insubria di Varese; Matteo Inzaghi, direttore di Rete55; Rosi Brandi, caporedattore de La Prealpina; Doriana Giudici, responsabile “Universauser” di Varese; Giuseppe Musolino, referente provinciale dell’Associazione “È un’altra storia” di Rita Borsellino; Antonella Bonopane, referente del coordinamento provinciale di “Libera”.
Presente, in rappresentanza del Governatore della Regione Lombardia Roberto Maroni trattenuto da un impegno, il consigliere regionale Fabio Rizzi.

Il magistrato napoletano Giovanni Conzo

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.