La Regione aumenta le “sezioni primavera”

Stanziati 2,6 milioni di euro per attivare 300 sezioni che ospiteranno 4500 bambini tra i due e i tre anni

Uno stanziamento di 2,6 milioni di euro per finanziare le sezioni a favore di bambini dai due ai tre anni denominate ‘Sezioni Primavera’, attraverso strutture educative di scuole dell’infanzia o di asili nido. In particolare, 1,6 milioni derivano dai contributi statali assegnati dal Ministero per l’Istruzione, Università e Ricerca e il restante milione di euro dal cofinanziamento di RegioneLombardia.

 
È quanto prevede la delibera approvata dalla Giunta regionale della Lombardia su proposta dell’assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro di concerto con l’assessore alla Famiglia, Solidarietà sociale e Volontariato e condivisa con l’Ufficio Scolastico Regionale, sentita l’ANCI regionale. La delibera consentirà di finanziare, nonostante i rilevanti tagli del contributo statale di circa il 50% nell’ultimo biennio, oltre 300 sezioni nel territorio lombardo che saranno frequentate da circa 4.500 bambini. L’attivazione del servizio è stata resa possibile nelle precedenti annualità da specifici Accordi sottoscritti in sede di Conferenza Unificata negli anni 2007 e 2010 con i quali sono stati determinati criteri e modalità per assicurare qualità pedagogica, flessibilità e originalità delle soluzioni organizzative, nel rispetto della particolare fascia di età cui questo servizio educativo si rivolge.
 
L’obiettivo del provvedimento è consolidare la sperimentazione dei servizi educativi integrativi destinati ai bambini di età compresa tra i due e i tre anni (Sezioni primavera) – aggregati alle scuole dell’infanzia e agli asili nido – valorizzando gli esiti delle esperienze condotte nel territorio lombardo e a livello nazionale nei precedenti
anni scolastici.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.