La RSA di Conforama: “L’accordo è stato condiviso in pieno dai lavoratori”

In riferiento all'accordo regionale firmato sull'azienda i rappresentanti spiegano: "la volontà è stata quella di costruire una richiesta di accordo che non fosse una logorante "minestra allungata"

Buonasera,

la RSA di Conforama Italia Spa ci tiene a precisare quanto riportato nell’articolo: http://www3.varesenews.it/varese/conforama-fatto-l-accordo-partita-la-mobilita-264384.html a sigla CIGL.

L’accordo raggiunto in sede regionale è stato condiviso fino all’ultimo incontro coi lavoratori ed è stato votato dagli stessi in ogni suo passaggio fondamentale.
Non per ultimo, l’eventualità di una cassa integrazione è stata votata dagli stessi lavoratori in sede di assemblea, i quali hanno deciso espressamente di non richiederla.
La volontà della maggioranza dei dipendenti è stata quella di costruire una richiesta di accordo che non fosse una latente, logorante ed angosciante "minestra allungata" da una cassa integrazione, la quale avrebbe solo ritardato i tempi di uscita ed eventuale ricollocamento di molte figure interessate col rischio di attingere ad una non sempre sicura fonte di sostegno economico (tutti conoscono le difficoltà nelle tempistiche del riceve le indennità di cassa integrazione e le condizioni attuali nelle quali versa lo stesso fondo per la cassa integrazione).

L’accordo prevede la riduzione dell’esubero da 55 individui a 40 (quindi non 55 come sostenuto nella comunicazione di cui sopra).
Le lettere di licenziamento non sono partite oggi come sostenuto dal medesimo articolo di cui sopra, ma nello stesso accordo, sono state concordate le tempistiche riguardanti la volontarietà e la non volontarietà all’esodo; le quali avverranno in tempi logisticamente gestibili sia per l’azienda e lavoratori (…giusto per nota, i primi licenziamenti avverranno a metà giugno e riguarderanno in primo luogo coloro i quali avranno fatto richiesta di mobilità per propria volontà…).

Cosci del gravoso impatto che comunque l’iniziativa di mobilità avrà sul nostro territorio e sulle famiglie interessate, ribadiamo che tale accordo è stato IN OGNI SUO PUNTO, analizzato, condiviso, criticato e votato nelle molteplici assemblee aziendali, al tavolo con tutti i lavoratori;
ciò al fine di costruire un compromesso tale da non destinare nessuno di coloro i quali verranno licenziati, in condizioni di non potersi ricollocare o, in qualche modo, "ricreare" professionalmente, con un minimo di tranquillità che di questi tempi è cosa assai rara.

Ringraziamo per la disponibilità.

La RSA di Conforama Italia SpA

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.