Le nuove tariffe della tassa rifiuti

Il Comune abbassa il costo dei rifiuti per metro quadro di abitazioni o attività, per compensare l'impatto della tassa che sarà raccolta dai Comuni ma poi andrà interamente allo Stato

Casorate Sempione definisce le nuove tariffe della tassa rifiuti, alle prese con la nuova tassa Tares definita dal governo centrale (a cui andranno i soldi raccolti dai Comuni). Un meccanismo che non piace a molti, compreso l’assessore casoratese Alessandro De Felice: «Abbiamo fortemente criticato come l’aumento dei 30 cent/mq non segua logiche strettamente legate alla gestione del servizio di gestione dei rifiuti (originario principio con cui è stata introdotta la Tares) ma rappresenta solo un prelievo, oggi in capo ai comuni, per ripianare le esigenze di deficit a livello centrale». A Casorate lo sforzo è comunque orientato a venire incontro a cittadini e imprese: «Con il nuovo Piano finanziario, grazie al lavoro svolto finora, si è ottenuto un importante risultato: con la diminuzione delle tariffe siamo riusciti, in alcuni casi in modo particolarmente efficace (vedi ristoranti, pizzerie, bar ecc), a compensare l’impatto dell’aumento ingiustificato e indiscriminato dei 30 cent/mq». Nel dettaglio, «con l’ulteriore estensione della base imponibile (grazie ai controlli degli uffici sui mq dichiarati e per fisiologico aumento dei contribuenti) siamo riusciti a ridurre le tariffe rispetto al 2012, già abbattute del 20% rispetto il 2011». Quanto vale questo taglio? Le utenze domestiche registrano una diminuzione a seconda del numero dei componenti del nucleo: ad esempio, spiega ancora De Felice, «per una famiglia di 4 persone si passa da una tariffa/mq di 0.81 euro a 0.70 euro, con un risparmio di 11 centesimi a metro quadro. Più significativi ancora gli interventi per le attività economiche: ristoranti, pizzerie e pub vedranno una diminuzione di 28 centesimi, che di fatto compenserà l’aumento dei 30 cent che vanno allo Stato. Per Bar caffè, pasticcerie invece la diminuzione sarà di 19 cent.

Quando si pagherà? Al 30 giugno 2013 si dovrà pagare il 35% dell’importo TIA, il 30 settembre è previsto il pagamento del 35% dell’importo TIA, mentre il 15 dicembresi chiuderà con il saldo (30%) importo Tia e l’intero importo di 30 cent./mq destinata allo Stato.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.