Lite sulle partecipate tra ex sindaci: Bettoni denuncerà Galli

Aumenta la tensione in paese dopo la presentazione del giornalino-inchiesta sulle tante società del comune. L’ex sindaco: “Tante le falsità, chi ha creato questa situazione?”

È sempre più teso il clima elettorale a Mozzate. Sabato mattina l’ex sindaco Giancarlo Galli, ora candidato per la lista Mozzate Partecipa, ha presentato sabato mattina un giornalino inchiesta sulle società partecipate del comune. Era presente anche l’altro ex sindaco, Denis Bettoni, che ha governato la città negli ultimi cinque anni: dopo la presentazione del volantino, con cenni ai numeri del bilancio del 2012. Documento economico redatto dal commissario prefettizio, pubblicato sul sito del comune nei giorni scorsi, nel quale ci sarebbe una difficile situazione economica dovuta proprio alle partecipate. È scattata la discussione tra i due ex sindaci per le varie responsabilità con Bettoni che ha lasciato la villa dove si stava svolgendo l’incontro di presentazione.  

Tutte le news e i candidati a Mozzate

«Galli ha fatto un volantino sulle partecipate a Mozzate intestato “La verità”  – spiega Bettoni -. È tutto tranne che la verità. Non è possibile che si arrivi a citare quelle cifre, con 4 milioni di euro di debiti fuori bilancio per il comune. Sono numeri che non stanno né in cielo né in terra, mi sono sentito offeso e umiliato. Se le bugie sono grosse, uno si arrabbia in maniera esagerata. Presenterò una querela nei confronti di Galli dopo la campagna elettorale. Ora io e la mia squadra ci stiamo concentrando a scrivere delle risposte ai cittadini perché le bugie dette sono tante. È vero che non c’erano i soldi per andare avanti, ma il comune per dieci anni è stato guidato Galli prima di me, chi ha creato questa situazione?». 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.