Nostra madre terra Africa

Immagini scattate nel vecchio continente in mostra nel porticato di Palazzo Estense

E’ l’Africa la protagonista della mostra nel porticato di Palazzo Estense promossa da Medici con l’Africa CUAMM

La mostra nasce con l’intento di comunicare al grande pubblico realtà e dimensioni del continente poco esplorate,  portando alla luce aspetti e dinamiche positive, significativi anche per il nostro vivere occidentali. Si compone  d’immagini, con alcuni ingrandimenti fotografici, ed ogni fotografia ha una didascalia esplicativa. Le immagini seguono un’unica linea di sviluppo.

L’inaugurazione è in programma giovedì 16 maggio ore 18.00. La mostra rimarrà aperta al pubblico, con accesso gratuito, fino al 31 maggio 2013 in orari di apertura  del Palazzo Estense. 

Ispira la mostra il desiderio di aggiungere una diversa nota di conoscenza dell’Africa, attraverso un viaggio nella quotidianità del lavoro della sua gente.

L’Africa e buona parte dei sistemi sanitari in genere è alle prese con una crisi “globale”. Il panorama di crescita lenta e inadeguata, il diffondersi di aree di violenta conflittualità e di tensioni politiche e sociali sotto bandiere etniche , il numero di profughi e di sfollati, la corsa all’emigrazione, il diffondersi di epidemie mortali quali l’Aids, la voragine del debito, la visività crescente della povertà, la continua sollecitazione di un maggior aiuto portano a chiedersi: ma l’Africa è davvero solo questo?

Da operatori sanitari viviamo ogni giorno la sofferenza dell’Africa. Nonostante ciò, tra la gente con cui operiamo, percepiamo anche una tenace forza di vivere, di lottare, di costruire futuro.       

Sempre dalla parte della “vita”, desideriamo sottrarre invisibilità a problemi, ragioni, speranze del vivere concreto e quotidiano di un paese, di una società, con occhi allenati a comprendere i meccanismi informativi, al fine di delineare un’Africa in progress, che, con le sue luci e le sue ombre, lascia intravedere evoluzioni, fasi di crescita, tensioni positive, dinamiche di sviluppo, magari ignorate e considerate non medianiche. In definitiva, l’obiettivo è quello di concentrare l’attenzione verso quelle dimensioni del vivere, pensare, costruire relazioni, inventare futuro, nelle quali gli Africani esprimono un potenziale positivo, nonostante le avversità che devono affrontare giornalmente.

 

Per informazioni: www.mediciconlafrica.org

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.