Oduamadi oltre il gol: è lui il più brillante

Il nigeriano, insieme a Neto, trova sempre il modo di mettere in difficoltà la difesa. Male Ferreira Pinto che non può reggere 90'

BRESSAN 6,5 (foto di S. Raso) – Un paio di balzi importanti, con i riflessi pronti per negare il pareggio al Crotone. Poi il siluro di Ciano lo trafigge ma su quella traiettoria, forse, nessun portiere ci sarebbe potuto arrivare.

PUCINO 6 – Non si può dire che faccia male, perché anzi in qualche occasione (soprattutto all’inizio) si fa trovare pronto all’intervento. Però non fa neppure il passo in più sulla strada della partita convincente.

TROEST 6 – Fermo da tre partite, torna in auge per l’assenza di Corti e lo fa anche piuttosto bene: lo stile non è granché, ma l’efficacia dei suoi interventi la si vede. Poi però Ciano sorprende lui e Rea, e allora il voto subisce un taglio.

REA 6 – Fa quasi a botte con Pettinari ma alla fine ha ragione lui, perché il rivale è più pericoloso per Rea che per Bressan. Sul gol ci agganciamo al voto e al giudizio precedenti e così anche all’ex Sassuolo arriva una decurtazione.

FRANCO 5,5 – Il momento migliore arriva nel secondo tempo, quando Odu gli apre praterie in cui infilarsi. Però dà sempre l’impressione di non avere la sicurezza necessaria e talvolta, dopo aver fatto una cosa buona commette un errore.

KONE 5,5 – Si muove, si intravede, ma a livello di concretezza non lascia particolari segni sulla partita.

ZECCHIN 6 – Meriterebbe il gol per come calcia quella punizione che si stampa sul palo, lampo in una serata dimezzata (giusto così, sarebbe stato folle rischiare un’ammonizione) e non particolarmente ispirata.
(Filipe G. 6 – Qualche apertura in bello stile, un tiro ben fatto ma non troppo insidioso).

FERREIRA P. 5 – Sbaglia il colpo del ko e l’inserimento (giusta l’idea, ma arriva al rallenty) nell’azione successiva. Roba da (forse, almeno in cuor suo) rischia di far arrabbiare anche un pacioso come Neto, che poi è l’inventore di quelle due occasioni. Ma perché farlo giocare 90′ quando ne può reggere 65?

NETO P. 7 – La rovesciata che dà il là al primo gol, i suoi spunti quando può partire lanciato, le già citate assistenze sprecate da Ferreira: quello di Neto non sarà il partitone totale ma rimane un match di livello superiore.
(Lazaar s. v.)

ODUAMADI 7 – Rieccolo: dopo alcune prove promettenti e il gol in nazionale Odu sembrava essersi un po’ depotenziato. Con il Crotone invece ritrova un passo brillante ma anche il gol (che fa dimenticare l’errore in avvio), sfiorando anche il bis con un gran destro a girare. Per Brescia lui è già pronto.

EBAGUA 6 – Ordinaria amministrazione, con l’attenzione necessaria a evitare guai (sottoforma di infortuni e cartellini gialli). Entra nell’azione del gol con il colpo di testa che innesca la “bicicletta” di Neto, cerca di fare presenza sottoporta, da solo o in compagnia.
(Forte 6 – Certo, c’è quel gol sbagliato a gridare vendetta. Ma è all’esordio assoluto: più giusto un incoraggiamento di una critica, anche perché propizia l’espulsione di Abruzzese).

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.