Parte l’ampliamento del cimitero, con la formula del leasing

Il Comune ha ricevuto un'offerta di una ditta interessata a costruire: i lavori dovrebbero richiedere nove mesi di lavoro

Parte finalmente l’intervento di ampliamento del cimitero di Carnago, che sarà realizzato con un leasing. «Dopo due anni siamo riusciti a trovare una soluzione – spiega il sindaco Andreoli Andreoni- proprio oggi abbiamo ricevuto un’offerta al nostra bando per l’ampliamento dei cimiteri di Carnago e Rovate». Allo stato attuale infatti erano rimasti solo pochi di quei posti definiti “campi a terra”, non vi erano in sostanza nè loculi nè cappelle libere. Da novembre invece con la svolta di quest’oggi saranno disponibili quattrocentonovantasei nuovi posti a Carnago e sessantotto nella frazione di Rovate.

«Due erano per noi le possibilità: operare un project financing, esternalizzando quindi opera e gestione, oppure optare per il leasing facendo si che la ditta costruttrice diventi proprietaria dell’opera effettuata per vent’anni percependo un canone dall’amministrazione».
Scartata la prima ipotesi «perché poco pratica e portatrice di più di un problema per altri comuni che l’hanno scelta», si è puntato sul leasing, che consente di aggirare gli stetti vincoli posti dal  Patto di stabilità, che limita le possibilità di accendere mutui per nuove opere. «Rispetto all’ultima possibilità elencata avremo un costo leggermente maggiore visti i tassi d’interesse, averemo però il vantaggio di avere per tutti i vent’anni futuri i rischi a carico dell’azienda costruttrice».

D’altronde nel comune carnaghese sono ormai abituati ad operare leasing essendo già avvenuto due volte con questa maggioranza: con la prima, connessa ai lavori riferiti alla bretella della tangenziale sud, erano stati inoltre il primo comune in Italia a tentare questa possibilità di finanziamento. I lavori per il cimitero, quantificati in poco più di 900 mila euro, dovrebbero durare circa duecentosettanta giorni e comprenderanno la costruzione di un magazzino comunale rispondendo così ad un’altra annosa questione per il comune.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.