Prevenzione Alzheimer, Confartigianato in prima linea

Terza edizione per “Le Giornate per ricordare”: visite gratuite a Varese e Gallarate per i cittadini tra i 60 e i 70 anni. Organizzano la Moa e la Fondazione San Giuseppe di Confartigianato Imprese Varese con l’Associazione Varese Alzheimer. Prenotazioni entro il 15 maggio

La Mutua Ospedaliera ArtigianiSocietà di Mutuo Soccorso e la Fondazione San Giuseppe di Confartigianato Imprese Varese (con la collaborazione dell’Associazione Varese Alzheimer), anche quest’anno hanno deciso di dare il via a “Le Giornate per ricordare”. La terza edizione della campagna per la sensibilizzazione nei confronti dell’Alzheimer, con visite gratuite per cittadini tra i sessanta e i settanta anni (fascia di età nella quale solitamente si manifestano le patologie neuro degenerative) prenderà il via nell’ultima settimana di maggio nelle sedi di Confartigianato Imprese a Varese (via Sanvito 92) e Gallarate (via Milano 69).
La visita è su prenotazione; la richiesta deve essere fatta entro il 15 maggio telefonando allo 0332.256215 (massimo.pella@asarva.org) o allo 0332.256328 (stefano.volpe@asarva.org).

Programmazione visite a Varese:
Lunedì 27 maggio: 9.00 – 13.00 /13.45 – 17.15
Martedì 28 , mercoledì 29 e giovedì 30 maggio: 13.45 – 17.15

Programmazione visite a Gallarate:
Martedì 28 maggio: 9.00 – 13.00 /13.45 -17.15
Mercoledì 29 e giovedì 30 maggio: 13.45 – 17.15

Lo screening dedicato ai disturbi cognitivi, che tanto successo ha riscosso nelle precedenti edizioni de “Le Giornate per ricordare”, vedrà nuovamente il coinvolgimento dei medici psicologi di Varese Alzheimer nel pieno rispetto della privacy. Attraverso le visite organizzate da Confartigianato Imprese Varese, si potranno verificare gli eventuali sintomi di un precoce “invecchiamento” neuro cerebrale.
Ricordiamo che il problema delle malattie neuro degenerative non è certo da sottovalutare. I dati diffusi dall’Ufficio Studi di Confartigianato Imprese rilevano che tra il 2011 e il 2050 la popolazione anziana crescerà di 8,7 milioni con un incremento del 70,8%, a fronte di un aumento del 4,8% della popolazione complessiva. Al 2050 un italiano su tre (33,1%) sarà anziano. Oggi una persona su cinque è anziana contro una su venticinque del 1861.
«Tutto questo porterà ad una elevata pressione anche sulla domanda di servizi ospedalieri. Servizi sui quali la Moa di Confartigianato Imprese Varese – dichiara Mauro Colombo, direttore generale dell’Associazione di viale Milano – si sta concentrando da circa 60 anni. Obiettivo della Mutua Ospedaliera Artigiani, infatti, è quello di garantire un’assistenza sanitaria integrativa a tutti i cittadini. Da qui l’impegno nel definire pacchetti di prestazioni sanitarie appositamente dedicati a imprenditori e famiglie. Visite, check-up, diagnostica, esami specialistici, convenzioni tra odontotecnici e dentisti, assistenza familiare infermieristica specializzata: si tratta di formule nelle quali ogni singolo può trovare ciò che è particolarmente adatto alle sue esigenze, a condizioni estremamente vantaggiose. E’ anche per questa sua dedizione alla salute e al benessere della persona, che la Moa di Confartigianato Imprese Varese è ora un punto di riferimento anche a livello lombardo».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.