Taglio del nastro alla biblioteca archivio Lanzarone

È dedicata al professore scomparso nell'ottobre del 2011 la sala del Dipartimento di scienze teoriche e applicate inaugurata nel pomeriggio di lunedì

È stata inaugurata oggi, lunedì 13 maggio 2013, nella sede del Dipartimento di Scienze Teoriche e Applicate, a Varese, via Mazzini 5, la sala dedicata alla Biblioteca e Archivio in memoria del professor Gaetano Aurelio Lanzarone, che raccoglie un fondo librario e altro materiale cartaceo donato della moglie Marian Farago al Dipartimento.
Sono intervenuti alla cerimonia: il Magnifico Rettore dell’Università dell’Insubria, professor Alberto Coen Porisini; il Direttore del Dipartimento, professor Ezio Vaccari; il coordinatore della Biblioteca, professor Andrea Spiriti; la signora Marian Farago.

Il professor Lanzarone, professore ordinario presso il Corso di laurea in Informatica alla Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’Università dell’Insubria sede di Varese, è scomparso nell’ottobre 2011. Pioniere nello studio dell’Informatica a Varese, il professor Lanzarone ha fondato il Dipartimento di Informatica e Comunicazione, e lo ha scrupolosamente guidato fino all’ultimo.

I docenti intervenuti alla cerimonia ne hanno ricordato la lungimiranza e le doti intuitive che lo hanno contraddistinto, portandolo a inaugurare un innovativo percorso di ricerca e di collaborazione scientifica, che ha messo in una relazione sempre più stretta e feconda due differenti ambiti come quello scientifico e quello umanistico.

La Biblioteca raccoglie un migliaio di volumi che trattano non soltanto di informatica, ma anche di filosofia, scienze, storia, arte – i più svariati campi del sapere e della cultura – denotando la complessità, la curiosità intellettuale e l’apertura mentale del professor Lanzarone, che li ha raccolti per tutta la vita.

L’Archivio consiste in una raccolta di materiali cartacei databili dagli anni Settanta in poi (lezioni, lettere, carteggi, appunti ed altro), che ben evidenziano la rete di collegamenti di profilo internazionale del professor Lanzarone e mostrano la sua feconda progettualità, mettendo allo stesso tempo in luce un frammento significativo della storia del pensiero contemporaneo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.