Torna Bibliobook, la primavera del libro

Dall'8 maggio al 13 giugno dodici appuntamenti con gli autori nelle biblioteche da Busto a Gorla Maggiore. Un modo per riavvicinare i cittadini ai libri

Dodici appuntamenti con scrittori e libri a Busto Arsizio e in Valle Olona, dall’8 maggio al 13 giugno 2013, nelle biblioteche del territorio. E’ questa la quarta edizione della rassegna culturale Bibliobook proposta del Sistema Bibliotecario Busto Arsizio – Valle Olona. Poiché la promozione della lettura a 360 gradi rientra tra i compiti e le finalità essenziali delle biblioteche pubbliche, l’intento è quello di stimolare la “consapevolezza dell’eredità culturale, l’apprezzamento delle arti, la comprensione delle scoperte e innovazioni scientifiche” (Manifesto Unesco per biblioteche di pubblica lettura). Bibliobook è una rassegna di incontri con autori organizzata e promossa in collaborazione con le biblioteche aderenti al Sistema (Busto Arsizio, Castellanza, Fagnano Olona, Gorla Maggiore, Gorla Minore, Marnate, Olgiate Olona, Solbiate Olona).

Il fulcro centrale dell’iniziativa, costituito dall’incontro con gli scrittori, ha l’ambizione di voler affrontare diversi temi e generi letterari, dal romanzo al saggio. Il pubblico potrà assistere agli interventi degli autori intervistati da esperti e da giornalisti della stampa locale. Interverranno alla rassegna 2013 gli autori: Giordano Bruno Guerri, Paolo Maria Noseda, Anna Prandoni, Carlo Valentini, Carlo Colombo, Bice e Carla Biagi, Andrea Fazioli, Masal Pas Bagdadi, Maria Grazia Parisi, Lucia Tilde Ingrosso, Giuliano Pavone, Mauro Zambellini, Valerio Varesi. Luoghi principali delle serate saranno le biblioteche, con incursioni in altre sedi cittadine, come il Teatrino di Villa Gonzaga ad Olgiate Olona.

QUI IL PROGRAMMA

La rassegna verrà inaugurata mercoledì 8 maggio alle ore 21.00 presso la Biblioteca Comunale di Busto Arsizio, con la presentazione dell’ultimo libro di Giordano Bruno Guerri “La mia vita carnale: amori e passioni di Gabriele D’Annunzio”. In occasione dei 150 anni dalla nascita di D’Annunzio, lo scrittore ci accompagnerà nelle stanze folli e geniali della dimora dannunziana. Pagina dopo pagina, sfogliando il "libro di pietre vive" che il Vate ci ha lasciato, riscopriamo un uomo che fu seduttore e amante irresistibile, avvinto dal "bisogno imperioso della vita violenta, della vita carnale, del piacere, del pericolo fisico, dell’allegrezza".

Grazie al diario (in gran parte inedito) di Amelie Mazoyer, ancella in servizio continuo che il Vate ribattezza Aélis, conosceremo Gabriele D’Annunzio uomo "intero". Aélis annota per lunghi anni tutto ciò che accade nelle stanze del Vittoriale, registrando ascese e cadute delle "badesse di passaggio": nobildonne, artiste, prostitute, semplici paesane o avventuriere, e un contorno di personaggi non secondari. Su tutto ciò, naturalmente lui, la sua grandezza di poeta e la sua strepitosa vitalità, fatta di genio, di invenzione e di ironia: il suo essere un libertario e anarchico, modernizzatore e anticipatore.

La serata, che sarà presentata dal giornalista Angelo Lorenzo Crespi, fa parte della serie di eventi organizzati dall’Amministrazione per celebrare l’anniversario: dopo la rappresentazione teatrale, il cui testo è stato scritto in collaborazione con Giordano Bruno Guerri, “Gabriele D’Annunzio tra amori e battaglie” che l’8 marzo ha visto sul palco del Sociale l’attore Edoardo Sylos Labini nei panni del Vate e il reading dedicato al rapporto tra il poeta e la sua attrice prediletta, Eleonora Duse.

Nell’occasione, a villa Tosi è stata allestita una mostra di libri e documenti dedicata a “Gabriele D’Annunzio e la musica”, curata da Giuseppe Pacciarotti, Paola Colombo e Loredana Vaccani, e realizzata in collaborazione con la Biblioteca Civica di Busto Arsizio. Nella stessa serata del 14 aprile il BAFF ha proposto, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema di Torino, la proiezione del kolossal Cabiria, diretto dal regista Giovanni Pastrone, in una variante inedita e sperimentale: la versione muta del 1914 è stata accompagnata dalla lettura delle didascalie scritte per il film da Gabriele D’Annunzio, interpretate da Edoardo Sylos Labini, e dalle musiche mixate dal vivo dal dj Antonello Aprea. Quella di Busto Arsizio è stata la prima assoluta dello spettacolo, che verrà replicato in altre location. Il programma delle celebrazioni continuerà con la presentazione della ristampa dell’Oscar Mondadori “Vita di Gabriele d’Annunzio” scritto da Piero Chiara, di cui ricorre quest’anno il centesimo anniversario della nascita.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.