Tre “pendolari” del furto arrestati al confine

Due giovani di 24 anni e una donna di n31 sono stati fermati al valico di Como Brogeda dalle guardie di confine. Sono ritenuti responsabili di una serie di furti nel luganese

Tre persone sono state fermate dalle guardie svizzere di confine mentre tentavano di superare il valco a Como Brogeda. I tre sono ritenuti responsabili di alcuni furti commessi nei giorni scorsi nel luganese. Alla loro individuazione si è arrivati grazie al dispositivo di ricerca messo in atto a seguito della rapina e del furto, avvenuti durante la notte del 3 maggio scorso a Villa Luganese.

Si tratta di due 24enni e una 31enne che si trovavano a bordo di un’auto con targhe italiane e che si apprestavano a lasciare il territorio ticinesi. Nascosti nell’auto, sono stati rinvenuti diversi oggetti da scasso, tra cui un piede di porco, e diversa merce di dubbia provenienza.
Il terzetto è poi stato consegnato agli inquirenti della Polizia cantonale che, dopo accurato lavoro d’indagine, hanno proceduto al loro arresto.
L’inchiesta, condotta dalla Polizia giudiziaria e coordinata dal Procuratore Pubblico Arturo Garzoni, dovrà ora determinare le esatte responsabilità delle persone fermate e di un loro eventuale coinvolgimento in ulteriori reati.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.