“Un incontro con Maroni per salvare il Tribunale di Saronno”

La proposta di un incontro con il presidente della Regione da parte di Silighini Garagnani per evitare la chiusura del tribunale nel mese di settembre

«Serve un incontro con Maroni per salvare il Tribunale di Saronno». La richiesta viene avanzata da Luciano Silighini Garagnani, portavoce dei Fratelli d’Italia che si sta facendo molto sentire in città in questi mesi. Ora la nuova proposta per salvare la struttura saronnese che rischia di chiudere i battenti nel mese di settembre, a causa dei tagli della spending rewiew del Governo Monti, trasferendo tutte le competenze al Tribunale di Busto Arsizio. L’amministrazione comunale aveva avanzato delle eccezioni, sottolineando che a Busto mancavano degli spazi.

«Saronno entrerà nella metropolitana Milano a breve, ma se continuiamo a perdere pezzi finiremo per diventare un sobborgo di terza categoria – prosegue Silighini -. Ospedale carente di servizi per una città come Saronno, zone abbandonate, tilt se nevica con quartieri lasciati isolati, crimine aumentato e ora anche il Tribunale se ne va. Porro deve fare di più, scendere in piazza come quando si faceva campagna elettoraleè ancora il Sindaco o è un semplice consigliere comunale che occupa una sedia perché il vento non la trascini via? Serve un intervento urgente. Saronno metropoli o borgata? Il 29 e 30 maggio gli avvocati hanno annunciato il blocco per protesta delle udienza. Consiglio a Porro di bloccare il Consiglio Comunale. Devono tutti capire che non siamo un paesello. Il nostro gruppo ha sollecitato un incontro con Maroni per chiedere un aiuto per il nostro Palazzo di Giustizia e spero venga anche Porro con noi, lo invito nuovamente ad un incontro che chiediamo da mesi, capisco gli impegni, ma vorrei sapere quali visto che la città chiede una voce autorevole e non arriva». 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.