Venezia prova a mettere paura alla Cimberio

L'Umana batte i biancorossi per la seconda volta in campionato (76-71) e si presenta aggressiva in vista dei quarti di finale playoff che mettono ancora di fronte le due squadre

La Cimberio si arrende ancora a Venezia come era accaduto nell’ultima giornata di stagione regolare: in laguna finisce 76-71 con gli orogranata di un eccellente Clark (25 punti, 7 rimbalzi, 3 recuperi) che mettono così qualche granello di sabbia negli ingranaggi della Varese di Vitucci in vista dello scontro tra le due formazioni già previsto per il quarto di finale playoff. I biancorossi chiudono comunque primi (e questo era sicuro) la stagione regolare e, al di là dell’andamento di quest’ultima gara, vanno comunque lodati per quanto fatto dall’estate scorsa a oggi. E, ne siamo convinti, andremo avanti a fare loro i complimenti, perché lo 0-2 subito dalla Reyer in campionato si azzererà nei quarti di finale e, tutto sommato, l’andamento del match odierno non deve fare perdere tranquillità alla famiglia biacorossa.
Varese è infatti 

rimasta in controllo durante tutti i 40′, ha – è vero – avuto il torto di non portarsi a casa i due punti che a un certo punto parevano alla portata, ma ha anche ruotato i suoi dieci giocatori badando più a distribuire i minutaggi che a tentare il tutto per tutto. Certo, il 10-0 di parziale che ha deciso il match (con tripla di Clark e stoppata di Diawara, giocate chiave) non è il miglior viatico per entrare nei playoff ma pazienza. L’importante è fare sul serio da venerdì, con un PalaWhirlpool che dovrà regalare la baraonda e la squadra che ha una settimana per prepararsi al meglio. Tornando sulla partita, qualche dubbio lo desta la prova di Ivanov che su azione fa sempre cilecca pur rendendosi utile a rimbalzo; bene invece Rush (foto) impiegato a lungo e, a turno, Green ed Ere che però nel finale non hanno inciso. Si è rivisto pure Polonara, ai primi minuti veri dopo l’infortunio: Achille è ancora un po’ indietro ma in questa settimana può fare i passi avanti necessari per tornare a fare il suo dovere. E ora, signore e signori, largo ai playoff.

COLPO D’OCCHIO – Il “Taliercio” di Mestre è un palazzetto storico del basket italiano e, con il ritorno in alto della Reyer, si è rimesso a nuovo e appare decisamente migliore di tanti altri suoi colleghi, anche se la capienza è a malapena di 3.500 posti, ben riempiti in occasione del match con la Cimberio. Drappello di tifosi ospiti ben decisi a farsi sentire a suon di cori.

PALLA A DUE – Dusan Sakota, eroe della vittoria su Pesaro, è un po’ a sorpresa l’escluso dalla rosa biancorossa per fare posto a Dejan Ivanov che ne prende anche il posto in quintetto, insieme al poker americano a disposizione di Vitucci. In panchina Polonara, che tornerà a calcare il campo dopo l’infortunio subito contro Milano. Mazzon ha una formazione molto lunga e coperta in ogni ruolo e inizia il match con l’italiano Magro nel ruolo di pivot.

LA PARTITA – Chi si aspettava due squadre con i classici “remi in barca” rimane deluso: Umana e Cimberio giocano una partita vera, magari solo con un po’ di attenzione a non farsi male, come dimostra anche il fallo tecnico preso da Vitucci dopo 7′. Dopo un avvio biancorosso (2-7) Varese comincia a balbettare in attacco e concede il vantaggio ai padroni di casa; bene Rush che sigla l’ultimo canestro di un digiuno lungo qualche minuto, ma anche quello che rimette in carreggiata i suoi, sotto 21-17 al 10′.
La Cimberio però fatica anche alla ripresa del gioco e allora la Reyer ne approfitta scappando sino al +8 con Szewczyk. Sul più bello però pure i lagunari si inceppano e così Talts ed Ere in pochi istanti riaprono il match. Il primo sorpasso è di Green, poi è Banks a infilare la tripla che vale il +2 all’intervallo, 37-39.
Nel terzo periodo si vede il Green dei giorni migliori: il play e Dunston danno agli ospiti il +5 ma il parziale corre velocissimo, con diversi canestri a punire difese “estive” e pochissime interruzioni, tanto che Vitucci fatica a cambiare i giocatori tanto si va rapidi sul parquet. Dopo una tripla di Green però Varese perde l’occasione per allungare oltre i 5 punti e Bulleri sigla il 57-60.

IL FINALE – Vitucci non si preoccupa e anzi affida al secondo quintetto il compito di iniziare l’ultimo quarto di gioco. Fiducia ben ricambiata perché Rush e soci creano un break che tocca il +7 (59-66) e quando Szewczyk esce per falli Varese pare avere la strada spianata. Però non è così: un antisportivo di Polonara rimette l’Umana in carreggiata, Dunston (foto sopra) la ricaccia indietro ma i suoi 4 punti sono gli ultimi della Cimberio che si incolla a quota 71. Non così Venezia che si affida a Clark e fa bene: suo il canestro che accorcia, suo il sorpasso, sua anche la tripla che di fatto decide la gara, con Zoroski a completare l’opera in lunetta e Diawara che stoppa Green. Finisce 76-71 e il Taliercio fa festa. Ma Masnago, tra pochi giorni, non vuole essere da meno, statene certi.

TABELLINOINTERVISTE E PAGELLETABELLONE PLAYOFFLIVE

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.