“Verificare la regolarità di ampliamento di un esercizio commerciale in centro”

La richiesta da parte del Pdl cittadino nei confronti di una realtà commerciale in piazza Libertà. Il sindaco: “Tutti gli atti sono regolari”

Il PDL, attraverso una richiesta firmata dal Coordinatore Provinciale Lara Comi e dal Coordinatore cittadino Paolo Strano, ha chiesto al Sindaco Porro di verificare la legittimità di un ampliamento volumetrico dell’esercizio commerciale ubicato in Piazza Libertà angolo Via Garibaldi.

«L’ipotesi di ampliamento volumetrico di cui si discute fa riferimento alla realizzazione di una struttura  in ampliamento all’esercizio commerciale e allo stesso direttamente collegata, che durante il periodo invernale risulta completamente chiusa (le chiusure laterali ora sono state rimosse in coincidenza con la bella stagione) – spiega il coordinatore Paolo Strano -. Ogni cittadino che desiderasse realizzare un ampliamento della propria abitazione o della propria attività, nell’ambito di spazi di sua proprietà, con una struttura anche leggera, deve poter avere una potenzialità volumetrica residua nell’ambito della stessa sua proprietà».

Il sindaco Luciano Porro ha risposto che «tutti i provvedimenti della mia Amministrazione seguono un iter lineare quando legale. Risponderò privatamente a questa missiva anche se la trovo fuori luogo».  

Secondo il Pdl «In Piazza  Libertà invece sembra invece sia stato concesso, in modo estremamente magnanimo, un ampliamento effettivo di superficie commerciale e perciò di volume senza alcuna possibilità di volumetria , e per di più su suolo pubblico – continua Strano -. Il PDL chiede al Sindaco di verificare la legittimità della struttura non solo in termini volumetrici, ma anche in relazione al regolamento di igiene (l’ampliamento degli spazi potrebbe aver compromesso i rapporti aero illuminanti, al codice della strada (è mai possibile impedire la circolazione dei pedoni lungo il fronte degli edifici prospettanti su suolo pubblico? Non crediamo che la percorribilità possa essere ammissibile entrando e successivamente uscendo dagli spazi racchiusi in un esercizio commerciale) e infine al regolamento del commercio con riferimento al numero dei servizi igienici esistenti. Sembrerebbe che l’Amministrazione comunale intenda presentare al prossimo consiglio comunale un provvedimento inteso a legalizzare, sanandolo, quanto compiuto».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 maggio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.