“Vogliamo notizie del nostro destino”

I dipendenti della Merlo Srl, azienda edile di Ispra, hanno protestato in piazza della Motta. «Non riceviamo lo stipendio da gennaio»

I lavoratori della Merlo srl, azienda di Ispra del settore edile, per il loro presidio hanno scelto piazza della Motta a Varese. Una scelta simbolica perché in quel punto c’è un cantiere ancora aperto della società per cui lavorano. Non sono tempi buoni per l’edilizia, si sa. Le banche non concedono mutui e le vendite degli immobili sono bloccate da tempo. La Merlo srl, azienda che lavora sul territorio da quasi vent’anni e che ha anche un braccio commerciale,  la Merlo Immobiliare, a novembre aveva vinto un appalto dell’Aler (Azienda lombarda per l’edilizia residenziale) che avrebbe dato ossigeno per almeno un paio d’anni. Una speranza concreta per i circa venti dipendenti – 50% impiegati e 50% operai – che però si è spenta quasi subito. «La proprietà inizialmente – spiega un’impiegata – si era confrontata con noi, comunicando la volontà di continuare nonostante il periodo non felice per il settore. Ora siamo a maggio e non sappiamo nulla del nostro destino e dei nostri stipendi».
Il 7 gennaio la Merlo srl ha aperto la procedura di cassa integrazione ordinaria. «I dipendenti – spiega Brahimaj Pjerin della Fillea Cgil – da allora non ricevono lo stipendio, a parte un acconto che è stato dato ad aprile. Il motivo della protesta riguarda il mancato pagamentio e l’assenza della proprietà nella trattativa del 10 maggio scorso a cui erano presenti le parti sociali e il garante dell’Api . Noi abbiamo dato la disponibilità di due date ma ad oggi la trattativa è bloccata, perché non abbiamo ancora una disponibilità ufficiale dell’azienda, mentre la situazione peggiora».

Galleria fotografica

Presidio lavoratori Merlo srl 4 di 10
di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 maggio 2013
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Presidio lavoratori Merlo srl 4 di 10

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.