“Aiutateci a costruire una sala per lo svago dei nostri ragazzi”

L’Anffas, associazione che assiste i disabili, punta ad allargare ancora la propria sede di via Piombina con un grande locale dedicato alla socialità. Il presidente Magistrelli: "Il progetto costa 180.000 euro, aiutateci donando quello che potete"

Neanche il tempo di mettere via cazzuole e pale dalla casa dell’Anffas di via Piombina che è già pronto a partire un nuovo cantire. Se infatti nelle scorse settimane è stata inaugurata una nuova ala da 10 camere della casa per i disabili «entro la fine dell’anno inaugureremo un nuovo padiglione». E’ questo l’annuncio che il presidente dell’associazione, Pietro Magistrelli, fa nell’ufficio del sindaco Gigi Farioli presentando il progetto di una nuova area polifunzionale. 130 metri quadri per lo svago e il gioco dei ragazzi «senza neanche un pilastro, con il tetto di legno a vista e grandi finestre luminose», spiega Ercole Milano, il progettista. Una sala con un ingresso indipendente «in modo da poter organizzare eventi aperti a tutti» e per la quale la strada è spianata. Con l’approvazione dell’ultimo PGT, infatti, sono caduti alcuni dei vincoli burocratici per gli edifici volti a queste finalità sociali e dunque in breve tempo potranno partire i lavori. 
Per completare l’opera, però, saranno necessari circa 180.000 euro. La fondazione e i soci benemeriti di Anffas hanno ne hanno messi a disposizione 100.000 e il comune farà la sua parte con 11.000 euro, «soldi risparmiati da alcuni concerti dell’anno scorso», spiega il sindaco. Per il resto, però, l’associazione fa appello ai cittadini chiamati a contribuire anche con piccole cifre in forma pubblica o anonima.
Chi fosse interessato a donare lo può fare anche attraverso un conto corrente dedicato alla raccolta fondi il cui IBAN è IT25S0542822800000000042400

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.