Atti vandalici contro la sede della Uil

Sono state forzate le porte dei diversi uffici e sono stati appiccati incendi utilizzando documenti reperiti in sede, tutti gli uffici sono stati messi a soqquadro, bruciate le bandiere dell'Europa e dell'Italia

Nella notte scorsa la sede Uil di Gallarate è stata oggetto di atti vandalici da parte di ignoti. Solo grazie al tempestivo intervento delle forze dell’ordine che hanno impedito il divampare di un incendio, sono stati scongiurati ingenti danni all’intero stabile. Sono state forzate le porte dei diversi uffici e sono stati appiccati incendi utilizzando documenti reperiti in sede, tutti gli uffici sono stati messi a soqquadro e sono state bruciate una bandiera dell’Europa e, parzialmente, una dell’Italia.

Sono in corso analisi approfondite su tutto il materiale presente in sede, da un primo esame  parrebbe che l’archivio delle pratiche di Patronato e CAF per conto dei lavoratori e dei cittadini non  abbia subito danni (nella foto, il complesso di case popolari che ospita anche la sede della Uil). «Abbiamo provveduto ad inoltrare denuncia querela contro ignoti – dice Antonio Albrizio, segretario provinciale- Quello di stanotte è un atto vile e vergognoso che ha messo a repentaglio la sicurezza degli abitanti dello stabile ed il lavoro svolto dal sindacato per i cittadini; è un atto che condanniamo con forza e che, se possibile, rafforza in noi la volontà di essere sempre più presenti nel territorio».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore