Barroso sul voto svizzero: “I patti vanno rispettati”

Il presidente della Commissione europea ha dichiarato: «Non negozieremo con la Svizzera sulla libera circolazione delle persone che è una parte "essenziale" del nostro accordo»

«Pacta sunt servanda. I patti vanno rispettati, non negozieremo con la Svizzera sulla libera circolazione delle persone che è una parte "essenziale" del nostro accordo».  Lo ha dichiarato il presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso a pochi giorni di distanza dal risultato della votazione elvetica sull’immigrazione.

La "clausola ghigliottina" e i rapporti congelati tra Berna e l’Ue

Barroso ha aggiunto: «Ho preso nota dell’annuncio fatto dal Consiglio federale ieri, che ha elaborato un piano di messa in opera da qui alla fine di giugno, e di presentare un progetto di legge da qui alla fine dell’anno, attendiamo la decisione. Ci sono già dei contatti tra il Servizio di azione esterna e la Svizzera, ma allo stesso tempo non bisogna farsi illusioni: noi non negozieremo il principio di libertà di circolazione delle persone. Non siamo pronti a fare rapidi bricolage. Il Consiglio federale ora deve prendere una decisione e poi ne potremo discutere, ma nel rispetto dei principi essenziali».

Tutti gli articoli sulla votazione federale svizzera

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.