“Che fine farà storia dell’arte?”

Nel blog dedicato alla scuola, si chiede conto al Ministro Carrozza delle sue azioni per recuperare una materia penalizzata dalla Riforma Gelmini

Signora Ministro,

non mi taccia per pedante, né di essere un noioso scocciatore ma, Le riscrivo per porLe alcuni quesiti e mi permetta, farLe  alcune osservazioni.
Entro subito nel merito.
Che fine farà nella scuola italiana l’insegnamento di Storia dell’Arte?
 Che fine ha fatto la petizione che Le è stata inviata ad ottobre corredata da 15mila firme (a cominciare da quella di S. Settis) che Le chiedeva, congiuntamente al Governo, di intervenire per salvaguardare l’insegnamento delle Materie Umanistiche?
Sig.ra Ministra, mi scusi la franchezza ma, Lei, finora, risulta afona nel panorama politico-culturale italiano; mica si può, per sempre, riparare dietro l’alibi che la “controriforma Gelmini” l’ha trovata già fatta e che allora ce la dobbiamo tenere?  Vuol seguire l’esempio dell’ignavo collega Profumo che L’ha preceduta al Dicastero?
 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore