“Ciao Jinel, mi manchi. Ci manchi”

La lettera di don Giuseppe Noli dopo la morte di un ragazzo di 26 anni, morto nonostante le cure e attenzioni della parrocchia di Mare Rouge

Jinel è il ragazzo morto a gennaio, a soli 26 anni, per una malattia di cui non sapremo mai nulla, fisica o psicologica. Quello che la sua presenza ha significato nella parrocchia di Mare Rouge, ad Haiti, lo racconta direttamente don Giuseppe Noli nella lettera che segue, tra delusione e fede. Ma non solo. La situazione di Jinel era stata presa a cuore anche dai volontari italiani che aiutano la parrocchia di Mare Rouge. Ecco chi era Jinel nelle parole di Don Giuseppe:

Jinel è morto. Non pensavo che gli avrei fatto il funerale, anche se la sfida era stata lanciata. “Jinel ti restano due cose: andare a giocare al pallone sul campo di calcio o entrare in una cassa da morto”.
Conitnua a leggere l’articolo

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.