Cimberio, esonerato Frates, squadra a Bizzozi

Improvviso cambio di rotta della società biancorossa. Vescovi: «Necessario ritrovare serenità, crediamo ancora nei playoff». Ora tocca al vice e soprattutto alla squadra, che non è esente da colpe

Addio a Fabrizio Frates. Con un comunicato inatteso a ridosso dell’ora di pranzo (vedi in fondo all’articolo) la Pallacanestro Varese ha esonerato l’allenatore che anche domenica scorsa, in occasione della sconfitta interna con Sassari, era stato pesantemente contestato dai tifosi biancorossi. Al suo posto il club di piazza Montegrappa ha messo Stefano Bizzozi, il 53enne vice allenatore che fin dalla scorsa stagione ricopre questo ruolo sulla panchina della Cimberio.
Una svolta a sorpresa, poiché Frates (che, contattato da VareseNews non rilascia dichiarazioni) aveva già superato indenne altre situazioni delicate e aveva consolidato la panchina con le due vittorie esterne di Reggio Emilia e Venezia che parevano aver dato un cambio di passo alla squadra. I successivi naufragi con Avellino e Sassari però hanno rimesso tutto in discussione fino a far cambiare idea alla società.

(Frates dopo la partita con Sassari – Foto S. Raso)

«La decisione è maturata ieri pomeriggio – spiega il presidente Cecco Vescovi – nel corso di un confronto con lo staff dirigenziale. Abbiamo ritenuto opportuno operare questa scelta nella speranza di rasserenare l’ambiente e per fare in modo che la squadra torni a lavorare con meno pressioni di quelle avvertite nell’ultimo periodo. Abbiamo un obiettivo chiaro, i playoff, e riteniamo sia ancora possibile da raggiungere, ma per farcela serve unità di intenti e serenità».
Parole che lasciano intendere che tra squadra e allenatore ci fosse una frattura ormai delineata. «Il feeling non era più così alto – ammette Vescovi – anche se la società ha prima di tutto provato a cambiare il corso della stagione sistemando alcuni errori tecnici che abbiamo commesso a livello di mercato. Credevamo che le vittorie di Reggio e Venezia avessero fatto cambiare rotta alla squadra ma evidentemente non è stato così e allora abbiamo deciso di sollevare dall’incarico l’allenatore. Ora paga Frates, ma con questo non vogliamo attribuire a lui tutte le colpe che invece vanno condivise tra tutte le componenti. Ora però speriamo che il gruppo ritrovi unità di intenti e si rimetta al lavoro più sereno.
Vescovi esclude che quella di Bizzozi (foto a lato) sarà una soluzione “ponte”: «Stefano ora è il nostro allenatore: conosce la squadra e l’ambiente, ha un buon rapporto umano con i giocatori e in passato ha avuto anche esperienze da capo coach in Serie A. Infine, come sapete, dal punto di vista economico non possiamo permetterci ulteriori ingaggi (per regolamento ci sarà comunque un adeguamento del contratto di Bizzozi ndr), ma come detto i motivi sono quelli che ho spiegato prima». Con il neo-tecinco resterà anche l’altro vice, Matteo Jemoli, mentre al momento non è previsto un terzo uomo sulla panchina.
Ora però, come ha sottolineato Vescovi, serve un cambio di passo della squadra che, come abbiamo fatto notare anche in occasione del ko con Sassari, non è certo esente da colpe per la situazione di classifica attuale. Quella che vede sì i playoff a soli 4 punti, ma pure l’ultimo posto (quello dell’unica retrocessione) a sei lunghezze. E all’orizzonte si profila una partita assai difficile come quella di Brindisi contro una Enel capolista fino a domenica scorsa. Insomma, per Bizzozi si tratterà di un battesimo del fuoco mica da ridere: in bocca al lupo, e sappia che il popolo biancorosso è con lui.

IL COMUNICATO della società
La Pallacanestro Cimberio Varese comunica di aver sollevato dall’incarico di capo allenatore della prima squadra il Signor Fabrizio Frates. La Pallacanestro Cimberio Varese desidera ringraziare il tecnico per il lavoro svolto, augurandogli le migliori fortune per il prosieguo della sua carriera. L’incarico di allenatore della prima squadra viene affidato al Signor Stefano Bizzozi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.