Colombo: “Bravi ragazzi”

L'allenatore della Pro Patria fa i complimenti ai suoi giocatori dopo la vittoria contro il San Marino. Vavassori in sala stampa spiega l'avanzamento delle trattative della cessione della società

Al termine della gara vinta dalla Pro Patria contro il San Marino 2-1 il mister tigrotto Alberto Colombo non nasconde la soddisfazione di un risultato molto positivo: «Siamo partiti e ho rivisto i fantasmi di partite negative. Siamo stati bravi in dieci a recuperare il vantaggio e faccio i complimenti a tutti per la bella prestazione, soprattutto Siega che secondo me ha fatto una grande prova. Mi riprometto di non parlare dell’arbitro, posso solo dire che ha sbagliato da una parte e dall’altro. Devo dire che i giovani, supportati dagli esperti, stanno dando risposte importanti, soprattutto in situazioni di difficoltà. Spero si possa proseguire su questa strada perché, sputando sangue, possiamo toglierci delle soddisfazioni. È un risultato molto importante, non tanto per la classifica, ma per il morale e che nonostante le cessioni questi ragazzi hanno possibilità ma anche meriti».
 
In sala stampa si è presentato anche il patron Pietro Vavassori, che ha spiegato gli ultimi aspetti della situazione societaria: «Con la squadra smembrata abbiamo fatto sette punti in cinque partite, che poi potevano essere nove. Anche oggi i ragazzi hanno dimostrato che possono giocare a calcio, usando cuore, testa e piedi per onorare la loro professionalità, la maglia e la società. Sulla vendita della società posso dire che sto prendendo dei contatti con tre società e sono concrete, del resto non so nulla e non posso commentare, ma temo che possano agire fuori tempo massimo. Per ora sto agendo per la merchant bank, ma posso dire solo che la Pro Patria la cederò solo a chi la vorrà seriamente senza prendere scorciatoie. Se devo prendere l’appartamento di qualcuno tratto con il proprietario, non con l’amministratore. In programma ora ho un incontro mercoledì e poi un altro sabato. Uno di questi è una società molto importante sotto tutti gli aspetti, compresa la riservatezza che la reputo un aspetto fondamentale. Una delle tre è una società estere, una non è del territorio e la terza è di queste parte, diciamo la Lombardia. Posso però svelarvi che una società, che aveva già portato avanti la trattativa, si è ritirata dopo lo sciopero di due settimane fa».
 
Uno dei più positivi della gara è stato Nicholas Siega: «Sono contento della vittoria, che dà morale e possiamo stare più tranquilli a livello di testa. Conosco le mie qualità e so di non aver dato il massimo nel girone di andata, ma ora sto crescendo molto e sono contento. Quando scendiamo in campo dobbiamo solo pensare a fare bene, senza pensare alla situazione esterna».
 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.