Controlli a tappeto per i prodotti ittici

Carabinieri in azione fra gli esercenti dell'Alto Varesotto per garantire il rispetto delle regole e degli standard qualitativi

carabinieri pesce L’area dell’Alto varesotto è stata nelle ultime due settimane passata al setaccio da parte dei Carabinieri del Servizio Navale della Compagnia di Luino.
Il Servizio istituito, a Luino, il 05 nov 2009 ed equipaggiato da una motovedetta cl. 200, in questi giorni è venuto alla ribalta, poiché impegnato, nell’ambito della vigilanza lacuale da terra in una specifica attività. Il controllo, presso diversi esercizi commerciali dell’area, verte sulla tracciabilità, etichettatura e rintracciabilità delle specie ittiche messe in vendita.
Tutto ciò allo scopo di tutelare i turisti ed i residenti che ricorrono ai diversi mercati e si servono presso i locali esercizi (che vanno dai ristoranti, ai supermercati) per l’acquisto di pesce fresco o cotto che, così, finisce sulle tavole.
L’attività ha una valenza preventiva e che non nasce da alcuna segnalazione di problemi o situazioni gravi riscontrate.
L’azione di controllo è ancora in atto e ha visto passare al setaccio 15 fra esercizi commerciali e rivendite mobili nei mercati rionali di Luino, Laveno Mombello e Ponte
Tresa.
I controlli hanno riguardato una verifica contabile documentale che viene incrociata con i dati pubblicamente comunicati agli avventori attraverso le etichette o addirittura i menù. L’obiettivo è accertare il rispetto degli artt. 1 e 4 del decreto ministeriale “del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali” del 27/ Mar/ 2002 .
Ad oggi degli esercizi uno solo è stato pizzicato: non aveva rispettato l’indicazione della denominazione commerciale esatta ( infatti, non indicava il tipo di pesce in vendita) il metodo di produzione (allevato o pescato in mare aperto) e la zona di cattura; la sanzione è stata di 1.168,00 euro.
L’attività continuerà nei giorni seguenti e i carabinieri, tengono a precisare, che il servizio è anche a disposizione per tutti quegli esercenti che avendo dubbi sulla concreta gestione del loro esercizio vogliano un intervento in termini di sopralluogo preliminare orientato a fornire gratuita consulenza e chiedano, così, preventivamente più precise indicazioni.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.