Ddl Delrio: Cattaneo, no al neo centralismo

Per il presidente del consiglio regionale "Serve un Ente intermedio elettivo tra Regione e Comuni"

raffaele cattaneo”Le Regioni non possono assistere inermi a quanto sta avvenendo sul fronte delle riforme
istituzionali, in particolare del Titolo V, perche’ stiamo assistendo ad una ricentralizzazione dei poteri”. Lo ha detto oggi il presidente del Consiglio regionale lombardo, Raffaele
Cattaneo, a margine della sua visita a palazzo Ducale nell’ambito del tour 100 tappe in Lombardia.
”Attenzione – afferma – il neo centralismo che sta venendo avanti non e’ la soluzione dei problemi. Distruggendo, nei fatti, le possibilita’ di operare delle autonomie si fanno danni e si
rende piu’ difficile la vita ai cittadini”. Ha quindi rilanciato la proposta di Regione Lombardia:” bisogna mantenere un Ente intermedio elettivo, con competenze specifiche, tra la Regione e
i Comuni. Dico di no all’abolizione delle Province ma bisognerebbe ridurle da 107 a 50-60 aree vaste, diminuendo nel contempo il numero delle Regioni da 20 a 9 e tenendo come aree metropolitane solo Roma, Napoli e Milano”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore