“Gallarate è Tassarate, la città delle tasse”

Giuseppe De Bernardi Martignoni boccia il bilancio di previsione 2014

Si avvicina la scadenza del bilancio di previsione 2014 e Giuseppe De Bernardi Martignoni boccia da subito le scelte della giunta Guenzani: "Gallarate rimane Tassarate, la città delle tasse", spiega il consigliere comunale di Forza Italia. La giunta Guenzani ha deciso di approvare quest’anno il bilancio già a fine febbraio, per non rinviare fino all’estate una serie di interventi, tra manutenzioni e nuovi investimenti: una scelta che gioca d’anticipo rispetto alle solite incertezze del governo di Roma (specie ora che il governo non c’è), ma fatta per non ritrovarsi impantanati come nel 2013, con gli interventi urgenti (come le asfaltature) rinviate fino a ridosso dell’autunno. L’assessore Alberto Lovazzano ha spiegato che in queste condizioni l’amministrazione ha scelto di procedere con prudenza, confermando almeno per ora il carico fiscale, salvo correttivi da fare in futuro, sperando in un ribasso. In ogni caso, la manovra così com’è non piace proprio a De Bernardi Martignoni (a destra nella foto, con Massimo Bossi): "La sensazioni sfogliando il bilancio è che non è cambiato niente: tante tasse, tante imposte, niente opere. Anzi, soprattutto si fanno passare semplici manutenzioni come grandi opere, si fanno con ritardo manutenzioni che erano già da fare, pensiamo alle strade e alla segnaletica stradale". Il riferimento è anche al programma di nuovi investimenti da 6 milioni di euro previsti, che puntano molto sulla manutenzione straordinaria di alcuni immobili (puntando anche sul riparmio energetico) e aree verdi, piuttosto che su opere totalmente nuove.
Il bilancio tornerà in commissione venerdì 21, per l’esame di eventuali emendamenti presentati per modificare alcune parti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.