Gli sfratti sono troppi, i soldi per fronteggiarli troppo pochi

I fondi a disposizione per aiutare le famiglie in difficoltà sono, al momento, solo 25.000 euro. Una cifra che dovrebbe bastare per tutto l’anno ma l’assessore assicura: “Saranno aumentati con il bilancio"

Era stata la stessa amministrazione comunale a lanciare l’allarme poche settimane fa: «ci sono troppe persone che stanno perdendo la casa». Un grido di allarme che si era trasformato in un grido di aiuto con l’assessore ai servizi sociali, Mario Cislaghi, ritrovatosi a chiedere ai cittadini bustocchi di mettere a disposizione le proprie case sfitte. Aiuti, contributi e garanzie delle quali il comune si farebbe carico ma per le quali i fondi a disposizione non sono poi così tanti: 25.000 euro.

E’ infatti questa la cifra che qualche giorno prima che l’assessore lanciasse il suo appello la giunta ha stanziato per fronteggiare l’emergenza e che dovrà bastare per tutto l’anno. «Sì, effettivamente è un po’ poco -ammette Cislaghi- ma cercheremo di aumentare i fondi a disposizione quando prepareremo il bilancio». A partire dai prossimi mesi gli sfratti procederanno a ritmo molto sostenuto con un provvedimento ogni due giorni che, in molti casi, riguarderà famiglie in difficoltà. «Stiamo continuando a cercare di coinvolgere i privati e qualche realtà si sta facendo avanti» spiega Cislaghi, assicurando che la trattativa con qualcuno sta procedendo con soddisfazione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.