Gli studenti dello Stein in gara sulle acque del Tamigi

L'istituto di Gavirate ha iscritto due equipaggi alla prestigiosa "Schools Head The River Race" che si disputerà il 13 marzo. Per salutarli è arrivato il presidente della Federazione Giuseppe Abbagnale

Due equipaggi dell’Isis Stein di Gavirate scenderanno sulle acque del Tamigi per prendere parte alla prestigiosa "Schools Head The River race" che si svolgerà il 13 marzo prossimo. A motivare gli atleti dell’istituto superiore gaviratese è arrivato persino Giuseppe Abbagnale, 
pluricampione olimpico e presidente nazionale della Federazione di Canottaggio,
oltre a Daniele Gilardoni, anche lui con un passato prestigioso e oggi rappresentante del CONI lombardo, Cesare Realini coordinatore regionale dei giudici arbitri, Giampaolo Maretti della Canottieri Monate e Luigi Manzo della Canottieri Luino.
A fare gli onori di casa la dirigente dell’Isis Stein Francesca Franz che ha coinvolto il Sindaco Felice Paronelli. 

Davanti ai propri compagni di scuola, gli atleti sono stati chiamati a ritirare la divisa ufficiale che indosseranno per l’occasione. Si tratta di un equipaggio "8 " maschile e un quattro di coppia femminile.  

Dopo la partecipazione, lo scorso anno, alle gare in Australia, per gli atleti dello Stein arriva un altro palcoscenico importante che il presiente Abbagnale ha voluto rimarcare: « Godetevi questa esperienza. Conoscerete circoli storici del canottaggio. Complimenti alla scuola che coinvolge i suoi studenti in occasioni di conoscenza di questo ambiente sportivo».

I ragazzi partiranno alla volta di Londra il prossimo 12 marzo, insieme ad altre due squadre: un otto maschile della Canottieri Monate e un quattro di coppia maschile della Canottieri Luino. Gli equipaggi gareggeranno sulla distanza di 6,8 km da Chiswick Bridge fino a Putney Bridge.
Il percorso si affronta durante la marea calante, nella direzione opposta alla celebre “Boat Race” tra le storiche università di Oxford e Cambridg. Lo scorso anno presero parte 308 equipaggi, per la gran parte inglesi.

La cerimonia i questa mattina, venerdì 21 febbraio, è stata voluta per stringersi attorno ai ragazzi che rappresenteranno i colori dei laghi varesini e a cui il Sindaco Paronellisi ha manifestato il suo sostegno per l’importante compito. 

Solo un’ombra ha rischiato di guastare l’evento. Un piccolo incidente diplomatico: nella scenografia allestita mancavano i remi della Canottieri Gavirate, la società sportiva dove gli alunni dello Stein quotiianamente si impegnano e faticano per diventare atleti di valore. L’assenza del remo, tra quelli della scuola e delle due società Monate e Luino, ha indispettito il Sindaco che se n’è andato accusando la scuola di scarsa riconoscenza per il territorio ospitante. L’assenza è stata poi colmata dall’arrivo dei remi gaviratesi, portati in fretta e furia da Giovanni Calabrese che ha assistito dagli spalti, insieme alla moglie Paola Grizzetti,  all’investitura ufficiale dei propri ragazzi: « I nostri sono atleti abituati a gareggiare in ambito scolastico –  ha commentanto con una punta di rammarico la coppia – da anni sono protagonisti nelle gare studentesche e lo scorso hanno ben figurato in Australia, un viaggio voluto e sostenuto dalla Società di Gavirate. Peccato questa piccola dimenticanza».

Gli equipaggi in gara
Isis Stein
Paolo Sardella, Marco Lami, Alessandro Gaeta, Marco Ossola, Graziano Spirito, Andrea Rovera, Edoardo Ghittori, Giacomo Broglio e Yuri Corritore (timoniere)
Beatrice Pasotti, Elisa Odino, Agata Simonetta e Linda De Filippis per l’equipaggio femminile.

Canottieri Monate:
Davide Tognetti, Edoardo Riva, Roberto Rossetti, Nicholas Kohl, Emanuel Biscaro, Jody Felli, Federico Fantoni, Andrea Erilmi, Federico Zorzan ( timoniere)

Canottieri Luino:
Matteo Montorsi, Elia Antoniazzi, Riccardo Bouhei, Manuele Stefani, Valeria Croci (timoniera).

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.