Il pediatra Vezzetti a Bonn per parlare di affido condiviso

Grandi esperti internazionali a convegno in Germania per confrontare esperienze e ricerche

Si terrà il 22 e 23 febbraio a Bonn l’assemblea costituente dell’International Council on shared parenting. Parteciperanno esperti americani, canadesi e, tra gli europei, tedeschi, svedesi, spagnoli, belgi, francesi, svizzeri e olandesi. Per l’Italia è stato chiamato il dott. Vittorio Vezzetti, pediatra varesino che ha esposto a ottobre presso l’Europarlamento in Strasburgo il primo studio comparato europeo sull’affido dei minori.
Il dottor Vezzetti presenterà il disegno di legge 1163 che è depositato presso il Senato e che si basa su evidenze scientifiche e su una sintesi delle esperienze di Paesi più progrediti. “Credo che una proposta di legge non possa essere più basata sul buon senso e sulla buona volontà ma necessariamente sulle esperienze, sulle criticità e sulle scoperte di nazioni che hanno affrontato la tematica molto prima di noi. Lo si fosse fatto prima avremmo evitato tanti errori in cui erano già incorsi altri Stati. La nuova frontiera è oggi in tutti i Paesi progrediti quella dell’affido materialmente condiviso (shared custody o joint physical custody) essendo pacifico che l’affido legalmente condiviso (come quello previsto dalla nostra legislazione) non ha mai portato a una genitorialità condivisa in tema di separazione coniugale. Tant’è che la distinzione affido legalmente condiviso-affido materialmente condiviso era già stata sancita vent’anni fa negli Stati Uniti. Se il legislatore avesse avuto l’accortezza di studiare le realtà estere non ci saremmo trovati una legge, la 54/06, così debole, incentrata su una condivisione puramente formale e astratta, e inevitabilmente destinata al fallimento, come lo era stata in altre Nazioni: la Francia è oggi al quarto tentativo di modifica e il Belgio al terzo! Il nocciolo della questione nella maggior parte dei Paesi è quello di definire dei paletti temporali di coabitazione e cura difficilmente eludibili dal giudice: la grande letteratura scientifica dimostra infatti notevoli vantaggi per la prole”. A luglio sempre a Bonn, si terrà un importante convegno mondiale in cui molti esperti confronteranno le proprie conoscenze e le criticità e i pregi dei propri sistemi. Il dottor Vezzetti è già stato chiamato, unico italiano, a fare parte del comitato tecnico.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.