In aumento i “bamboccioni”: sette milioni di giovani ancora con i genitori

L'Istat ha reso noto i dati dei giovani tra i 18 e i 34 anni che non sono ancora usciti da casa. In aumento rispetto al 2011

Quasi 7 milioni di giovani tra i 18 e i 34 anni vivono con almeno un genitore. Lo rende noto l’Istat nell’ultimo Rapporto sulla coesione sociale. Stiamo parlando dei cosiddetti “bamboccioni” coloro che non hanno ancora finito gli studi o, avendoli conclusi, si fanno  mantenere dai genitori perché non hanno trovato lavoro.

Si tratta del 61,2% degli under 35 non sposati, percentuale che nel 2012 risulta in crescita di due punti sul 2011. Il fenomeno risulta più accentuato al Sud, dove la percentuale raggiunge il 68,3%, pari a 2 milioni e 36mila ragazzi. Nel dettaglio sono 6 milioni e 964mila i giovani che ancora mangiano e dormono con mamma e papà, 31mila in più rispetto all’anno precedente.  E non si tratta solo di ventenni: se, infatti, tra i 18 e i 24 anni vivono a casa con i genitori in 3 milioni e 864mila, la cifra non si abbassa più di tanto andando a guardare tra i 25 e i 34enni (3 milioni e 100mila). In altre parole a cavallo tra i 20 e 30 anni chi ancora non si è sposato, in quasi la metà dei casi, se ne sta con i suoi piuttosto che andare a vivere per conto proprio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore