Iniziati i lavori per unire le piste ciclabili della città

Il progetto, cofinanziato dalla Regione, terminato grazie all'avanzo di amministrazione. Previsto anche il bike sharing. Il Comune: "Forse gratuito per la prima ora di utilizzo, poi a basso costo"

Una serie di piste ciclabili sicure per attraversare la città di Tradate, dal centro alla periferia. Il progetto, che era stato cofinanziato dalla Regione, è in fase di attuazione in questi giorni, con diversi lavori in corso sulla Varesina. «Sono iniziati i lavori relativi al progetto di Bike Sharing, che si associa alla realizzazione di una pista ciclabile che costeggia la Strada Provinciale – spiegano il sindaco, Laura Cavalotti, e l’assessore ai lavori pubblici, Giuseppe Scrivo -. Il percorso collega la Rotonda dell’aereo con Piazza Salvo D’Acquisto (Caserma dei Carabinieri). La pista avrà anche un percorso parallelo lungo Via Caravaggio, e prevede la messa in sicurezza dell’attraversamento della provinciale all’altezza del Liceo Curie».

Il costo totale dell’opera è di 700mila euro, parte dei quali (276mila euro) finanziata dalla Regione. Alcuni lavori del progetto presentato dalla passata amministrazione sono già stati realizzati, come il parcheggio multipiano in piazza della Posta, ma mancava da realizzare il collegamento tra le diverse piste ciclabili. Scrivo e la Cavalotti spiegano che «la nuova Amministrazione, appena si è insediata, ha dovuto affrontare due problemi. Il primo di tipo progettuale, infatti il tracciato inizialmente previsto invadeva Piazza del Mercato fra le bancarelle del Giovedi. Il secondo, più rilevante, di tipo economico: l’opera di fatto non era finanziata. La Regione, scaduti i termini per la realizzazione dell’opera prevista per fine 2012, avrebbe potuto cancellare il contributo, ma tutto ciò non è accaduto grazie all’Amministrazione Cavalotti, che ha garantito il finanziamento dell’opera con entrate certe e non aleatorie. Le risorse necessarie sono state reperite attraverso i nostri sacrifici sostenuti nel 2012 nei primi 7 mesi di amministrazione. I tagli alle spese e ai costi della politica hanno consentito di rispettare i vincoli finanziari e di conseguire un importante avanzo di amministrazione. L’avanzo del 2012 ha consentito di evitare la perdita del contributo regionale».

«Questa parte di pista è strategica in quanto si raccorda con quelle già realizzate  – concludono i due amministratori -. Ciò consente il raggiungimento di due obiettivi fondamentali: ampi percorsi in completa sicurezza, utilizzabili anche per jogging e un servizio di Bike Sharing che stimolerà una diverso concetto di mobilità. L’Amministrazione Comunale metterà a disposizione dell’utenza diverse biciclette, alcune delle quali elettriche con pedalata assistita. Il noleggio avverrà attraverso la Carta Regionale Servizi, e si sta vagliando la possibilità di renderlo gratuito per la prima ora e a costi contenuti per le ore successive. Sono previste 5 aree protette di parcheggio bici, dislocate nei punti nevralgici della città: Piazza Stazione, Piscina, Biblioteca Frera, Ospedale e Comune. Sarà quindi possibile spostarsi da un parcheggio ad un altro, in completa sicurezza, utilizzando biciclette comunali, gratuitamente se lo spostamento avverrà in tempi rapidi. Dopo il car-sharing, un altro passo verso un nuova concezione di mobilità sostenibile». 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.