Mondora va all’antimafia, indagherà su Expo

Il dirigente della Digos si trasferisce alla Dia di Milano dopo 7 anni ad altissimo livello nella nostra città. Il suo posto sarà preso dal capo di gabinetto, Gianluca Solla

Il dirigente della Digos di Varese, Fabio Mondora, da lunedì sarà in forza alla Dia di Milano, la direzione investigativa antimafia. Mondora (nella foto al centro), 48 anni, era a capo della sezione politica della questura di Varese dal 2007, e precedentemente era stato dirigente della squadra mobile di Lecco per cinque anni. Funzionario molto discreto e di grandissima gentilezza e cortesia, si è fatto apprezzare in tutti i luoghi dove ha prestato servizio. Il suo nuovo compito è legato a doppio filo con l’Expo: la Dia milanese ha infatti l’obiettivo di analizzare gli appalti dell’esposizione universale e di vigilare affinché non vi siano infiltrazioni della criminalità organizzata. La nomina è arrivata improvvisa e con un preavviso di soli tre giorni. Il nuovo dirigente della Digos di Varese sarà Gianluca Solla, attualmente capo di gabinetto. A sua volta il capo di gabinetto diverrà Paolo Catenaro, oggi a capo della squadra volanti, e il suo posto sarà preso da un funzionario in arrivo da Milano. Sotto la guida di Mondora la Digos di Varese in questi anni si è occupata di tante inchieste delicate e importanti, ottenendo sempre ottimi risultati e riuscendo a mantenere sul campo una capacità di dialogo e di controllo della piazza che i vertici del ministero considerano di altissima qualità. Va infatti ricordato che negli anni scorsi la presenza di politici di alto livello e in posizioni chiave, in provincia, era di assoluto rilevo. Per la questura di Varese è anche un risultato interessante, dopo la promozione allo Sco, il servizio investigativo centrale, dell’ex capo della squadra mobile Sebastiano Bartolotta. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore