Pro Patria bella ma ingenua, con il Vicenza termina 1-1

In vantaggio grazie a Calzi e con l'uomo in più per l'espulsione di Tulli, i tigrotti prendono gol nel recupero e si rammaricano per un risultato immeritato

Una Pro Patria ordinata e precisa si fa raggiungere nel recupero del secondo tempo sull’1-1 dal Vicenza non gestendo il gol di Calzi su punizione arrivato al 40’ della ripresa e la superiorità numerica per l’espulsione di Tulli. Una Pro ottima a tratti, ma che ha peccato nell’occasione più importante, sottolineando forse quella mancanza di esperienza che ha fatto invece felice il Vicenza, che porta a casa un punto importante per la classifica, ma forse oggi immeritato.
 
FISCHIO D’INIZIO – La Pro, orfana per squalifica di mister Colombo e di capitan Serafini, ospita allo “Speroni” il Vicenza. I tigrotti si schierano con il classico 4-3-3 con Feola in porta, Andreoni e Mignaneli sulle fasce difensive con in mezzo Spanò e De Biasi. A centrocampo Calzi è il centrale affiancato da Tonon e Gabbianelli, mentre in attacco Moscati è la punta con Siega e Mella a supporto. I veneti sono in gran forma, e mister Lopez mette in campo un 3-4-1-2 con Giacomelli alle spalle di Maritato e Tulli. 
 
IL PRIMO TEMPO – Una gara intensa sin dai primi minuti, con il Vicenza che prova a mettere sul campo la potenza, ma la Pro risponde con un ordine al limite della perfezione. I due giovani centrali, Spanò e De Biasi, non lasciano spazi ai più esperti Giacomelli e Maritato. L’intensità e il pressing non portano però a grandi occasioni da rete, anche se l’unico portiere impegnato è Ravaglia, che deve respingere con i pugni una conclusione di Mignanelli da dentro l’area, servito in verticale da Siega al 16’. L’esterno d’attacco è protagonista al 32’ quando prova il tiro al volo di sinistro da posizione molto defilata; gesto tecnico molto bello, ma risultato poco concreto, con la palla che sfila sul fondo. La migliore opportunità per sbloccare il risultato arriva al 41’, con un tiro rasoterra mancino di Tonon dal limite dell’area che colpisce il palo.  


LA RIPRESA – I primi minuti del secondo tempo sono di marca vicentina; la squadra di Lopez alza il ritmo e mette sotto pressione la difesa tigrotta, ma l’unica occasione da segnalare è il colpo di testa di Murolo su azione d’angolo che esce di poco. Al 12’ Tulli colpisce il pallone con la mano e si guadagna il secondo giallo e la conseguente espulsione. In dieci la Pro tenta di spingersi in avanti, ma senza troppa convinzione e il Vicenza in contropiede dà sempre l’impressione di poter fare male. Mister Colleoni prova a cambiare la punta, sostituendo Moscati con Chiodini. Non varia molto in realtà, ma nel finale, complice anche un po’ di stanchezza, la Pro ci crede e il gol arriva al 40’, con Calzi, che direttamente su punizione da posizione defilata beffa Ravaglia sul primo palo. Nel finale il Vicenza prova a portarsi in avanti e trova il pari con Cinelli, che batte Feola con un sinistro non incredibile dal limite dell’area. Ingenua la Pro, che con Spanò a terra infortunato non ha buttato fuori la palla lasciando giocare il Vicenza, che ha sfruttato al meglio l’occasione. Termina così 1-1 con la Pro che porta a casa un punto importante ma amaro.
 
TABELLINO
Pro Patria – Vicenza 1-1 (0-0)
Marcatori: al 40’ st Calzi (PP), al 46’ st Cinelli (V).
Pro Patria  (4-3-3): Feola; Andreoni, Spanò, De Biasi, Mignanelli, Tonon, Calzi, Gabbianelli; Mella (dal 34’ st Giorno), Moscati (dal 25’ st Chiodini), Siega. A disposizione: Vavassori, Zaro, Taino, Ghidoli, Casiraghi. All.: Colleoni (Colombo squalificato).
Vicenza (4-2-3-1): Ravaglia; Gentili, Camisa, Murolo, D’Elia (dal 41’ st Padovan); Jadis, Castiglia; Sbrissa (dal 1’ st Cinelli), Giacomelli (dal 34’ st Anaclerio), Tulli; Maritato. A disposizione: Alfonso, El Hasni, Padovan, Corticchia, Tiribocchi. All.: Lopez. 
Arbitro: sig. Ros di Pordenone (Boz e Trasarti).
Note: giornata serena e mite, terreno in non perfette condizioni; Calci d’angolo 6-4; Ammoniti: Siega per la Pro Patria; Tulli, Gentili, Anaclerio, Camisa per il Vicenza. Espulso al 12’ st Tulli per doppia ammonizione. Recupero: 0’ + 4’. Spettatori: 800 circa

LA DIRETTALE INTERVISTE

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.