Pugno al questore, ultrà condannato per eccesso di legittima difesa

Assolto per un capo di imputazione, e condannato ma con reato derubricato per l'altro. Così è finito il processo a un tifoso ascolano

E’ stato condannato, ma il reato è stato ritenuto meno grave di quello prospettato. L’ultrà ascolano che nel 2011, secondo le accuse, aggredì l’allora questore di Varese Marcello Cardona, ha avuto una condanna a 200 euro di multa, con pena sospesa e non menzione. Il pm di udienza Arianna Cremona aveva chiesto 7 mesi di reclusione per i reati di lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. Il giudice monocratico Rossella Ferrazzi, tuttavia, ha assolto il tifoso ascolano per il capo di imputazione di resistenza a pubblico ufficiale, mentre lo ha condannato per un altro capo di imputazione che ha tuttavia riclassificato in un eccesso colposo di legittima difesa.
L’episodio accadde il 22 aprile del 2011, quando dopo una partita casalinga del Varese, la polizia aveva bisogno che i tifosi salissero a bordo del bus. Alcuni ultras ritardarono l’operazione e vi fu tensione Il questore Marcello Cardona si avvicinò a un tifoso che secondo le accuse reagì con un pugno. Il processo è stato lungo e approfondito. E’ stato anche visionato un filmato che riproduce l’accaduto mentre sono stati ascoltati molti testimoni. Ma la vicenda ha lasciato degli strascichi. Il tifoso è un giovane farmacista, Giorgio Ferretti, che si è sempre proclamato innocente ma che a sua volta ha querelato per lesioni l’allora questore. Questa seconda tranche delle lite è oggi in discussione davanti al gip di Varese con il pm Luca Petrucci. La procura ha chiesto per ben due volte l’archiviazione: una prima opposizione presentata dal pirotecnico avvocato Felice Franchi è stata ritenuta valida dal gip, mentre la seconda opposizione sarà discussa nelle prossime settimane.
 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.