Sabato la visita del veterinario per i cani del Lager

I dieci cani portati via dal casale di Sumirago sono ospiti nella struttura privata convenzionata col Comune. I volontari: "Spaesati e impauriti, erano tenuti in pessime condizioni. Prematuro parlare di affidamento"

«I dieci cani stanno iniziando a stare bene iniziano a fidarsi di noi, prendendo anche qualcosa da mangiare dalle nostre mani». A raccontarlo è una volontaria del canile di Locate Varesino, una struttura di proprietà di un privato, gestita dall’associazione Emi Rifugio per randagi Onlus.
È qui che sono stati ospitati i cani sequestrati in un casale di Sumirago, trovati, insieme ad altri animali, in pessime condizioni igieniche e di salute, tenuti al guinzaglio, al buio e con pochissimo cibo, tra fango e carcasse di altri animali morti.
Dopo il sequestro da parte dell’autorità giudiziaria gli animali sono stati affidati al comune di Sumirago, convenzionato con l’associazione di Locate Varesino, come tanti altri comuni della zona.

I cani, tutti di taglia grande, incroci tra cani da pastore e cani dei Pirenei, sono quindi in affidamento all’associazione Emi: «Sono arrivati impauriti e spaesati, non si fidavano di nessuno – raccontano i volontari -, oggi invece stanno iniziando a fidarsi. Hanno persino preso da mangiare dalle nostre mani, un grosso passo avanti. Stanno discretamente, sono fisicamente trascurati, anche nell’aspetto estetico. Non li abbiamo ancora potuti trattare, sono arrivati lunedì e ci siamo avvicinati poco. Arrivano da mesi di incuria e abbandono. Non erano certo in mano a persone che si occupavano di loro sotto nessun profilo».
I cani però non possono essere ancora dati in affidamento: «In accordo con chi si sta occupando del sequestro sabato verranno visti da una veterinaria, per controllare il loro stato salute e vagliare cose da fare. Parlare di affido è un po’ prematuro perché i cani sono ancora sotto sequestro; finche non c’è un decreto del magistrato non possono né essere visti né affidati».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.