Si riaccendono i riflettori sulla Franco Tosi

Questa sera collegamento con PIazzapulita su La7 dalla sala degli stemmi del Comune di Legnano, domani l'incontro tra i lavoratori e gli assessori regionali al bilancio e all'innovazione

Si riaccendono i riflettori sulla vicenda della Franco Tosi, l’azienda metalmeccanica legnanese che produce turbine da lungo tempo, ormai, in difficoltà e in gestione straordinaria da parte di un commissario. Questa sera, lunedì, il talk show politico Piazzapulita in onda su La7 si collegherà con la sala degli stemmi del comune di Legnano dove sarà presente una delegazione di lavoratori che racconteranno la situazione di stallo, soprattutto dopo la caduta del governo Letta e del cambio al vertice del ministero dello Sviluppo Economico passato da Flavio Zanonato a Federica Guidi.

Anche la Regione sta seguendo la vicenda con preoccupazione:"La nostra posizione è stata sempre chiara: vogliamo che la Tosi riprenda a produrre e ritorni a regimi di attività degni della tradizione di questa preziosa realtà industriale lombarda, in un settore profondamente strategico, individuando soggetti in grado di attuare, senza riserve, le azioni di rilancio in tempi rapidissimi, affinché non siano pregiudicati i possibili risultati" – dichiara l’assessore regionale alle Attività produttive, Ricerca e Innovazione Mario Melazzini.

Domani, insieme all’assessore Garavaglia, Melazzini incontrerà i lavoratori e i rappresentati sindacali dell’impresa: «Da parte nostra ribadiremo il forte e convinto sostegno di Regione Lombardia, in attesa di incontrare il commissario straordinario dell’azienda legnanese Andrea Lolli,
per capire realmente cosa è accaduto in questi mesi di commissariamento e cosa intende mettere in atto concretamente per salvaguardare il sito produttivo. E’ nostro obiettivo porre la massima
attenzione su questa vicenda e fare in modo che il nuovo Governo faccia la sua parte, affinché una realtà industriale così importante, non solo a livello nazionale, possa continuare a contribuire allo sviluppo della nostra economia».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore