Studenti e volontariato: torna il cantiere dei Giovani Alianti

Venerdì 28 febbraio al teatro Apollonio torna la manifestazione giunta alla XIII edizione. Nel corso della mattina parleranno Padre Giulio Albanese e Alfredo Aloisio

I "Giovani Alianti" spiccano il volo venerdì 28 febbraio. Torna, infatti, al teatro Apollonio la manifestazione che fa il punto sulle attività dello Sportello Scuola Volontariato dell’UST di cui è responsabile la professoressa Lella Iannacone. 

“Non calpestate i nostri diritti” è il titolo della XIII Conferenza che si terrà dalle 8,30 alle 13,00.
 La proposta si articola in moduli che analizzano diverse tematiche legate alla complessa realtà dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.
Gli studenti impegnati nel Progetto saranno protagonisti e testimoni di una mattinata in cui si alterneranno sul palco per condividere il loro lavoro, realizzato anche grazie alla collaborazione delle Associazioni di Volontariato e Cooperative Sociali attive sul nostro territorio. Il tutto utilizzando gli strumenti della comunicazione che più si addicono alle nuove generazioni: drammatizzazione, filmati multimediali, danza , musica…
 
La manifestazione, patrocinata dal Comune e dalla Provincia di Varese e dall’associazione “Il Cantiere della solidarietà”onlus, vedrà la presenza di relatori particolarmente significativi: p. Giulio Albanese e Alfredo Aloisio. Moderatore della conferenza sarà il giornalista Mario Visco.
Padre Giulio Albanese è un missionario e giornalista italiano, appartiene alla Congregazione dei Missionari Comboniani. Attualmente collabora con varie testate giornalistiche per i temi legati all’Africa e al Sud del mondo tra cui Avvenire, Vita, Radio Vaticana e il Giornale Radio Rai. Dal febbraio del 2007 insegna "giornalismo missionario/giornalismo alternativo" presso la Pontificia Università Gregoriana (Pug) di Roma ed è direttore delle riviste missionarie delle Pontificie Opere Missionarie PP.OO.MM. – Missio Italia, Popoli e Missione e Il Ponte d’Oro. 
È anche autore di alcuni libri di tema missionario.
Nel luglio del 2003 il presidente Carlo Azeglio Ciampi lo ha insignito del titolo di Grande ufficiale della Repubblica Italiana per meriti giornalistici nel Sud del mondo.
In questi anni ha vinto 11 premi giornalistici e 4 letterari. Tra questi Il Premiolino (Milano 2001) [5], il Premio Saint Vincent (Roma 2002), il Premio Letterario Città di Latina (Latina, 2004), il Premio Letterario Città di Melfi (Melfi, 2004).

Padre Alfredo Aloisio
ha iniziato nel sociale facendo volontariato in varie associazioni Milanesi sui temi dell’esclusione sociale, fine anni 80 inzio 90
Dal 94 ha lavorato a Milano con varie associazioni e cooperative come educatore/educatore di strada.Nel 98 ha lavorato in Nepal come responsabile di un progetto sui bambini di strada a Kathmandu. Poi varie missioni tra Nepal-Somalia-Palestina sempre con bambini di strada
Dall’inizio del 2000 a Bucarest alla Fondazione Parada ( dal 2006 presidente e rappresentante), Membro fondatore e direttore di Apel (2006- associazione che si occupa a Bucarest e Timisoara di accompagnamento al lavoro di giovani in situazione di disagio sociale), Dal 2004 Membro fondatore e membro del consiglio direttivo del SAMU Sociale (Servizio di aiuto medico di urgenza- Homeless a Bucarest), dal 2008 Membro fondatore e membro del consiglio direttivo di Ateliere Fara Frontiere (laboratorio di reinserimento professionale di persone in difficolta’ attraverso il recupero di materiale informatico esausto). 
Dal 2010 Presidente del Comitato CIAO (comitato italiano associazioni ed ong in Romania).

Ci sarà, infine, la testimonianza di Mehdi Etimadi, un giovane di 27 anni proveniente dall’Afganistan, in Italia dal 2007.  Nel nostro territorio è stato assistito dalla Caritas. Ci porterà nella sua terra attaverso i suoi ricordi:  ricordi di un ragazzino quando nella sua città sono apparsi i talebani.

Le scuole che hanno aderito al progetto sono:Scuola Primaria “Pascoli” Varese, ISIS”Newton” Varese, Istituto”Manzoni” Varese, Liceo Scientifico”Ferrars”Varese, ISIS”Dalla Chiesa” Sesto Calende, Liceo Artistico”Frattini” Varese, ISIS”Facchinetti”Castellanza, ITC”Tosi”Busto Arsizio, IPC”Einaudi”Varese.
Ritornano a Varese i “Giovani Alianti “di Pomigliano D’Arco.
Il progetto pluriennale dei Giovani Alianti, coordinato dalla prof.ssa Lella Iannaccone, nasce all’interno della rete dello Sportello Provinciale Scuola Volontariato ed è realizzato con il supporto di molti docenti, del Comune di Varese, della Provincia, delle Associazioni di Volontariato- Il Cantiere della Solidarietà , AVIS Provinciale, Coop Lombardia, di Maghetti Distributori Automatici.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.