Svizzera, il giorno del voto storico su immigrati e frontalieri

I promotori chiedono l'introduzione di tetti massimi ai permessi per gli stranieri. In caso di vittoria del "sì" gli accordi con l'Unione Europea sulla libera circolazione delle persone andrebbero rinegoziati

immigrazione udìQuella di oggi potrebbe essere una giornata determinante nelle relazioni tra Svizzera e Unione Europea ma anche un momento storico per quanto riguarda i rapporti tra "vicini di casa", come Varesotto, Comasco e Canton Ticino. I cittadini della Confederazione saranno chiamati ad esprimersi sull’iniziativa popolare "Contro l’immigrazione di massa", proposta dall’Udc, partito della destra conservatrice, per limitare la libera circolazione delle persone all’interno dei confini elvetici. Il testo oggetto della votazione prevede l’individuazione di tetti massimi per i permessi di dimora e contingenti annuali per tutti gli stranieri, compresi i lavoratori frontalieri (60mila persone solo in Canton Ticino).
Per quanto riguarda il mercato del lavoro è previsto inoltre un meccanismo di preferenza per i cittadini svizzeri nelle procedure di assunzione.

Leggi – Svizzeri al voto sui frontalieri. E i topi tornano in campagna elettorale 

La votazione federale su un’iniziativa popolare non è un referendum ma la forma di democrazia diretta con la quale i cittadini svizzeri possono chiedere la revisione totale o parziale della Costituzione. Per entrare in vigore, avendo un effetto di questa portata, è richiesta una doppia maggioranza: quella del Popolo (dei cittadini) e quella dei Cantoni (essendo una votazione a livello federale).  Nei sondaggi la rimonta del "Sì"

In caso di vittoria del sì, per quanto riguarda l’iniziativa sull’immigrazione, si avrebbe un contrasto tra i trattati internazionali e la volontà popolare. Gli accordi conclusi in questi anni tra la Svizzera e l’Unione europea, primo fra tutti quello sulla libera circolazione, dovrebbero dunque essere rinegoziati facendo fare ai rapporti tra Ue e Confederazione, un salto nel passato di oltre dieci anni. La votazione si chiuderà alle 12. Saranno oggetto del voto anche altri due testi: il decreto federale concernente il finanziamento e l’ampliamento dell’infrastruttura ferroviaria e l’iniziativa "Il finanziamento dell’aborto è una questione privata".

17:10 Risultati finali
Con il 50,34% dei voti, la Svizzera approva definitivamente l’iniziativa dell’Udc "Contro un’immigrazione di massa"
16:58 Approvata l’iniziativa dell’Udc
Mancano i risultati del cantone Zurigo ma a questo punto una rimonta dei contrari non è più possibile
16:41 Anche Berna vota sì
Manca soltanto Zurigo. Il sì ottiene il 51 per cento dei voti
16:27 Mancano Zurigo e Berna
In attesa degli ultimi risultati il dettaglio del voto cantone per cantone
15:25 Sembra prospettarsi la vittoria dell’Udc
Certo ormai il successo nei Cantoni, si attende il risultato definitivo per quanto riguarda la votazione degli aventi diritto. Le proiezioni danno però per approvata l’iniziativa, seppur di poco. Ci si avvia dunque verso un risultato clamoroso per l’Udc. Ricordiamo che per essere approvata l’iniziativa dovrà ottenere la doppia maggioranza di popolo e cantoni
15:08 Sì in vantaggio, mancano due cantoni
L’iniziativa Udc è stata approvata anche nel cantone Soletta. Mancano ora due cantoni al risultato definitivo: il sì è al 50,9 per cento. L’iniziativa è stata approvata in 13,5 cantoni e respinta in 7,5


 

14:43 I RISULTATI DEL TICINO
Come era stato previsto dai sondaggi in Ticino stravince il Sì che ottiene il 68,2 per cento dei voti. Il sì torna in vantaggio con il 50,7 per cento dei voti degli aventi diritto. 11,5 i cantoni che hanno accolto l’iniziativa e 7,5 quelli che l’hanno respinta
14:32 Iniziativa respinta anche nel canton Vallese
Il no prevale anche nel Canton Vallese
14:25 Risultati provvisori: i cantoni che hanno votato No
I sei cantoni dove l’iniziativa Udc è stata respinta sono per il momento: Giura, Neuchâtel, Friburgo, Vaud, Ginevra e Zugo
14:20 Primi risultati dalla Svizzera Romanda
È testa a testa tra favorevoli e contrari. I primi risultati dalla Svizzera Romanda confermano le previsioni dei sondaggi e riportano il no leggermente in vantaggio con il 50,5 per cento dei votanti. I cantoni favorevoli rimangono in vantaggio: sono 9,5 contro 6 contrari
14:13 Risultati provvisori, Zugo e Giura votano no
Il sì è ora al 52,2 per cento contro il 45,8 per cento del no. I cantoni favorevoli sono 8,5 (i semicantoni valgono 0,5) i contrari sono 2, Zugo e Giura. Mancano ancora i risultati di molti cantoni
13:53 8 Cantoni per il sì
Prosegue lo spoglio dei risultati della votazione federale sull’immigrazione di massa. I favorevoli restano in vantaggio e raggiungono il 57 per cento. Per quanto riguarda i Cantoni siamo a 8 favorevoli 
13:43 Sì in vantaggio in altri cantoni
L’iniziativa Udc ottiene la maggioranza anche nei cantoni San Galloi, Glarona e Obvaldo mentre viene bocciata nel canton Zugo. Attualmente il sì è in vantaggio con il 54,8 per cento contro il 45,2 per cento del no. 5,5 i Cantoni che hanno approvato l’iniziativa contro 1 che l’ha respinta
13:30 Vince il Sì nei Grigioni
Con il 54,5 per cento dei consensi, l’iniziativa dell’udc passa nel Canton Grigioni. Siamo dunque, per il momento, a tre cantoni favorevoli
13:22 Spoglio in corso, sì in vantaggio anche nei Grigioni
I favorevoli all’iniziativa dell’Udc svizzero sono in vantaggio anche nel Canton Grigioni ma lo spoglio non è ancora concluso
13:01 Primi risultati: In Ticino netta maggioranza del Sì
Dopo lo spoglio dei risultati dei primi 55 comuni del Ticino si registra il 69,85% di voti favorevoli al testo e il 30,15% di voti contrari (Fonte Rsi).
Hanno approvato la proposta Udc i Cantoni Argovia e Sciaffusa
12:00 Chiuse le urne
È terminata alle 12 la votazione federale sui tre oggetti sottoposti al giudizio dei cittadini elvetici. Presto pubblicheremo i primi risultati

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore