Tares a Gallarate, c’è tempo fino a fine febbraio

Lettere in ritardo, cambia il termine per il pagamento della Tares. La Giunta comunale ha deciso per tutti i contribuenti la possibilità di versare il tributo entro il 28 febbraio, senza sanzioni

Nella riunione di ieri, 3 febbraio, la Giunta comunale di Gallarate ha deciso ufficialmente di posticipare al 28 febbraio 2014 la scadenza per versare la Tares 2013. Il nuovo termine vale per tutti i contribuenti. Solo per la quota statale (0,30 euro al metro quadro) resta valido il termine precedenteI cittadini e le attività economiche che devono pagare più di 500 euro possono rateizzare la tassa in 3 quote, con scadenza 28 febbraio, 31 marzo e 30 aprile.  I contribuenti che hanno già provveduto al versamento dell’acconto e che ora risultano a credito, saranno rimborsati con la prima bolletta 2014. Gli aventi diritto dovranno comunque pagare la quota statale della tassa.
«I cambiamenti delle scadenze e, in qualche caso, degli importi – commenta il sindaco, Edoardo Guenzani – hanno lo scopo di rendere meno oneroso il pagamento della Tares. Va detto che fin dall’inizio l’azione dell’Amministrazione ha puntato a distribuire il peso del tributo in modo ragionevole. Per questo, fra le 30 categorie delle attività produttive e commerciali, 20 pagano una tariffa invariata o più bassa rispetto al passato». «Per le categorie che pagano di più – aggiunge l’assessore al Bilancio, Alberto Lovazzano – abbiamo agito all’interno dei parametri minimi e massimi imposti a livello nazionale, livellando la tassa il più possibile verso il basso. In tal modo, le attività più colpite a Gallarate pagano meno che nella maggior parte degli altri Comuni in provincia di Varese». «Non si può dimenticare – conclude Angelo Bruno Protasoni, assessore alle Attività Produttive – il momento difficile per tante attività, magari rientranti nelle categorie contrassegnate dagli aumenti maggiori. Per loro, per le superfici accessorie e per quanti smaltiscono in proprio particolari tipologie di rifiuto, ad esempio il verde, si studierà la possibilità di apportare ulteriori revisioni nel 2014».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.