Trasferta castellanzese per la commedia “Gallina Vecchia”

Sabato 15 febbraio lo spettacolo verrà rappresentato a Castellanza, al teatro di via Dante, nell’ambito della stagione cittadina, promossa dall’assessorato alla Cultura con l’associazione «Amici del teatro e dello sport» e con la compagnia «Entrata di sicurezza»

Che cosa è disposta a fare una donna pur di dimenticare le prime rughe sul volto e i capelli che incanutiscono? Risponde a questa domanda la commedia brillante «Gallina vecchia» di Augusto Novelli, nella rilettura scenica di Rosy Ricciardi e per la regia di Delia Cajelli, che sabato 15 febbraio, alle ore 21, la compagnia stabile del Sociale di Busto Arsizio presenta al teatro di via Dante in Castellanza.
A fare da colonna sonora alla rappresentazione saranno alcune delle più belle canzoni di Carlo Buti, da «Firenze a «Le rose rosse», passando per «Mattinata fiorentina», «Povero amico mio», «La piccinina», «Porta un bacione a Firenze». Sul palco saliranno Ambra Greta Cajelli, Gerry Franceschini, Noris Mariani, Silvano Melia e Rosy Ricciardi (nome d’arte della regista Delia Cajelli).
L’appuntamento è la seconda tappa del progetto itinerante «Teatri di famiglia», promosso dall’associazione culturale «Educarte» con il patrocinio e il contributo economico della Fondazione comunitaria del Varesotto onlus, e si inserisce in «CastellanzAteatro», cartellone realizzato dall’assessorato alla Cultura con l’associazione «Amici del teatro e dello sport» e con la compagnia «Entrata di sicurezza».
Scritta nel 1911 dal drammaturgo e giornalista fiorentino Augusto Novelli, «Gallina vecchia» può considerarsi, nella sua semplicità d’impianto e linearità d’azione, una tre le più belle commedie brillanti non solo del teatro toscano, ma anche di quello italiano d’inizio Novecento.
Banco di prova per grandi attrici caratteriste come Ave Ninchi, Dory Cei e Sarah Ferrati, lo spettacolo racchiude, come molte opere teatrali di divertimento schietto e quasi popolare, un fondo di crudele amarezza e malinconia.
Nunziata (Rosy Ricciardi), la protagonista, è colta dall’autore nel momento, delicatissimo, del passaggio dalla maturità alla vecchiaia. La paura del tempo che scorre inesorabile e una prorompente carica sensuale non sopita fanno sì che la donna, una merciaia scaltra ed estremamente indipendente che gestisce con caparbietà e disinvoltura affari e affetti, si aggrappi a un ultimo sogno d’amore. Nunziata si crogiola, infatti, nell’idea di poter conquistare Ugo (Silvano Melia), un giovane sfaccendato di bell’aspetto, fidanzato con Gina (Ambra Greta Cajelli), l’ingenua e avvenente stiratrice che abita nel suo stesso palazzo, al piano di sopra.
Per questa nuova e ultima avventura d’amore, l’attempata e ricca bottegaia, da poco vedova e con un fedele amante da oltre vent’anni, è disposta a tutto, costi quello che costi. Non le resta così che ricorrere a certe astuzie tipicamente femminili, a una grazia sorniona e a piccoli intrighi di denaro, con tanto di sfoggio di proprietà immobiliari e conti in banca, che ne fanno un personaggio tipico e di sorprendente attualità. Trucco eccessivo, vestiti vistosi e giovanili, Nunziata mette in atto un pericoloso gioco di seduzione che sconvolge il sonnacchioso tran tran dei due giovani vicini di casa e di Bista (Gerry Franceschini), suo sanguigno e antico compagno, nonché contabile. Ma il destino rimetterà le cose a posto.
«Testo mattatoriale» per eccellenza, «Gallina vecchia» è, dunque, il ritratto sapido di un’«Italietta» di provincia, tutta pettegolezzi, intrighi, ipocrisie e manie morbose. E’ una «commedia della vita, di quella vita che -ha scritto la critica- ogni giorno viviamo, nella consapevolezza del tempo che vola, della gioventù che ci lascia, del tramonto che, prima o poi, arriva per tutti».

Il costo del biglietto è fissato ad euro 8,00. La prevendita si terrà al bar pasticceria Fourteen di Castellanza (via Vittorio Veneto) o presso il botteghino del teatro castellanzese (via Dante, 5 – tel. 0331.480626) nei seguenti orari: sabato, dalle 21 alle 23; domenica, dalle 16.30 alle 18.30 e dalle 21 alle 23. Per informazioni è possibile contattare il numero 366.2590328 (Sergio).

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore