Udc, Verdi e Lega chiedono un nuovo blocco dei ristorni

I partiti ticinesi hanno presentato una mozione al Gran Consiglio. L'obiettivo è quello di ottenere da Berna più attenzione, spingere l'Italia a togliere la Svizzera dalla black list e rinegoziare i bilaterali

Si torna a parlare di blocco dei ristorni, in Canton Ticino. Lega dei ticinesi, Udc e Verdi hanno presentato una mozione congiunta in Gran Consiglio per chiedere di sospendere, a tempo indeterminato, il calcolo delle quote che, in base agli accordi bilaterali, il Ticino gira a Berna e che successivamente vengono pagate a Roma a titolo di rimborso delle imposte pagate oltre confine dai lavoratori frontalieri. L’ultimo anno questo importo è stato pari a 58 milioni di franchi, una somma che viene destinata ai comuni italiani di confine e che rappresenta, per molti di questi enti una voce di bilancio fondamentale.

I partiti ticinesi proveranno dunque a replicare la presa di posizione messa in atto in passato. L’obiettivo di questa azione è quello di spingere il governo della Confederazione ad affrontare i problemi tutt’ora aperti e legati alla presenza dei frontalieri all’interno del Cantone ma non solo. Con la minaccia di un nuovo blocco si vorrebbe spingere nuovamente l’Italia a togliere la Svizzera dalla black list dei paesi nemici del fisco, oltre alla rinegoziazione degli accordi bilaterali che riguardano i lavoratori pendolari italiani. 

Tutti gli articoli sui ristorni bloccati




di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.