Una Officina Contemporanea per la città e non solo

La sfida delle associazioni, dei musei e dei teatri: costruire una rete e una immagine unica per la cultura in città, aperta al confronto e capace di creare interesse e attenzione all'esterno

Una cultura per animare le piazze, costruire punti di confronto, aprirsi al mondo e proporsi su una scena più ampia: parte a Gallarate l’avventura di Officina Contemporanea, la nuova rete tra musei, teatri e associazioni. Nella giornata di venerdì sulle sede di associazioni, teatri e musei gallaratesi sono comparsi i banner con il logo [OC], anticipando la serata di presentazione e il weekend di iniziative che – tra venerdì e sabato – animeranno la città: "Una officina come piattaforma per lavorare, non raccolta e calendario di eventi, aperta alla dimensione della contemporaneità" ha spiegato Emma Zanella, direttore del Museo Maga che fa da capofila alla rete di undici realtà coinvolte. "Gallarate è una città che si caratterizza per l’attenzione al contemporaneo, dall’arte visiva, alla musica, al cinema. Ciò che più ci distingue è questa nostra storia, un modo di guardare e far propria la nostra contemporaneità".

La forza del progetto è anche il finanziamento venuto 

da 
Fondazione Cariplo (900mila euro), che ha valutato l’idea della rete come una delle proposte più interessanti, proprio per la forza del lavoro e della progettazione in rete. "Il bando ha visto dieci progetti finanziati, Officina Contemporanea è l’unico qui in provincia di Varese" ha ricordato Giorgio Gaspari, commissario di Fondazione Cariplo. Tra i soggetti promotori di OC ci sono due realtà storiche della città come il Teatro delle Arti e il Premio Arti Visive Città di Gallarate, due realtà storiche della città (rispettivamente al 50° e 63° anno di attività,rappresentati alla presentazione da Cristina Boracchi e Giovanni Orsini), affiancati dal MaGa, che dell’attenzione alle arti visive nella contemporaneità è erede e oggi protagonista. 
C’è un luogo depositario del patrimonio artistico della città come il poco conosciuto Museo della Basilica di Santa Maria Assunta (mentre gli Studi Patrii sono partner della rete), così come un luogo di vivace incontro sociale e culturale come il Melo, rappresentato alla presentazione dal dottor Marco Predazzi. E ancora la rete delle scuole cittadine ("coinvolgiamo 8000 studenti di tutte le età", ha spiegato la referente, la dirigente dei licei Luisella Macchi), il consorzio bibliotecario Panizzi ("che riunisce 13 Comuni", ha ricordato il presidente Maurizio Occhipinti), il Teatro Nuovo di Madonna in Campagna, luogo anche d’incontro comunitario per la zona periferica della città, la scuola di danza Proscaenium (nella foto: la performance di danza nell’atrio del municipio, durante la presentazione del progetto), la Pro Loco con la sua attenzione all’humour e alla grafica umoristica, come ricordato dal presidente Vittorio Pizzolato.

Una sfida non da poco, quella che si gioca su tre anni, come hanno ricordato anche il vicesindaco Giovanni Pignataro e l’assessore alla cultura Sebastiano Nicosia: "In un momento in cui si parla di crisi, si dimostra che è strategico investire in cultura. Gallarate ha una tradizione, la cultura è qualità della vita, passa dal riconoscimento dell’impegno di tante realtà che offrono. A Gallarate il registro associazioni, appena costituito, raccogle 50 realtà associative che vogliono mettersi in rete". Alla base del progetto di Officina Contemporanea c’è anche l’idea di andare oltre la frammentazione dell’offerta culturale, di creare una immagine forte che riconosca la qualità, animi il confronto, crei curiosità. Nel progetto c’è l’idea della formazione per tutte le realtà, ma soprattutto una comunicazione visiva unitaria: non solo i banner sui teatri, i musei, le sedi, ma anche un’attenzione particolare ai social media, a partire dagli account Facebook, Twitter e Instagram. Il tutto, avendo come riferimento tre ambiti diversi: "la piazza intesa come metafora del vivere sociale; gli incroci per creare punti di connessione; oltre le mura, per guardare oltre la città". Si parte questo fine settimana, con undici diverse iniziative in città, tra spettacoli teatrli, concerti, sperimentazioni, laboratori per bambini.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 febbraio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore